FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 Uccisero ventitreenn...4
2 Della Valle: "Subito...4
3 G8, Cassazione: "A B...4
4 Diritti tv, Mediapro...3
5 L'ex ministra Forner...3
6 Ipotesi di governo L...3
7 Strage di Bologna, i...3
8 Milano, bimbo di 4 a...3
9 Roma, trovato morto ...3
10 Ladispoli, incendio ...3
11 Il paese dei Comuni ...3
12 Truffa alle poste ne...2
13 Il film su Pippo Fav...2
14 ''Il glifosato provo...2
15 Mps torna in utile n...2
16 Gli italiani compran...2
17 Camorra, arrestati t...2
18 Shopping Usa per le ...2
19 "Senza verità non c'...2
20 Rsf, libertà di stam...2
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE



   Notizia del 14 ottobre 2009 ore 15:52 - Visite 365
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"

Un'azienda utilizza il brano per pubblicizzare calze e collant
Il viceministro del Lavoro: "Piuttosto bisognerebbe fare pubblicità all'Inno"
L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"
Il presidente della Provincia di Savona: "Ritirate subito lo spot"
Gasparri: "Non si mescolano le ragioni del commercio con quelle della nazione"
di GIUSI SPICA


ROMA - L'Inno di Mameli utilizzato come colonna sonora dello spot pubblicitario di una nota azienda che produce calze e collant. Cantato da una voce femminile, che esalta lo spirito da "sorelle d'Italia". Ed è subito polemica. Il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli, dice che piuttosto sarebbe meglio "fare pubblicità all'Inno". Più duro il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza: "E' una vergogna". E il coordinatore del Pdl milanese, Romano La Russa, invoca l'intervento dell'Authorithy per le Telecomunicazioni.

Lo spot. Si chiama "Sorelle d'Italia" la colonna sonora del nuovo spot di Calzedonia. La pubblicità sotto accusa, realizzata da Saatchi&Saatchi e diretta dal regista Luca Lucini, si apre con un risveglio sulla campagna romana e finisce con un suggestivo tramonto sui tetti della capitale. Nel video scorrono le immagini di donne che, avvolte in calze e collant, si abbandonano a momenti di svago o relax. Alla fine, una dedica: "A Italia, Vittoria, Laura e tutte le altre".

L'azienda si difende. In una nota, si spiega che non c'è alcun intento satirico: "Lo spot rappresenta un omaggio che Calzedonia dedica a tutte le donne attraverso un'inedita interpretazione al femminile dell'Inno - si legge nel comunicato - dove i termini Italia e Vittoria vengono fatti rivivere per la prima volta con il significato di nomi di donna. Un messaggio forte che fa appello alle infinite risorse delle donne".

Il precedente. La trovata pubblicitaria del noto brand non rappresenta l'unico esempio di un utilizzo più o meno "improprio" dell'Inno. Già l'attore milanese Paolo Rossi, durante uno spettacolo teatrale, aveva utilizzato le parole di Fratelli d'Italia, ma sulle note di Sapore di sale, per fare la parodia dell'Italietta.

Le reazioni. Dopo la messa in onda, subito sono scattate le polemiche. "Più che usare l'inno nazionale distorto per fare pubblicità, bisognerebbe fare pubblicità all'inno nazionale", dice il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli. Più duro il commento Angelo Vaccarezza, presidente della Provincia di Savona e fervido sostenitore dell'importanza dei simboli nazionali: "Con il canto degli italiani non si gioca. E non si può nemmeno metterlo sotto i piedi. Sentirlo in un spot di calze da donna è una vergogna. Chiedo all'azienda di toglierlo". Sull'argomento è intervenuto anche Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato: "Bisognerebbe evitare di mescolare
il commercio con l'Inno d'Italia, che va sempre rispettato".

Crosetto: "Uno spot bellissimo". Al fronte degli indignati risponde Guido Crosetto, sottosegretario alla Difesa: "Lo spot con l'Inno di Mameli? Bellissimo". Sorpreso per la reazione dei compagni di partito, commenta: "Ci sono altre cose per cui indignarsi, non certo per l'intelligenza e la fantasia".

Il giurista: "E' assolutamente legittimo". Sotto il profilo giuridico, lo spot è assolutamente legittimo. "Non c'è alcuna legge che vieti di utilizzare l'inno di Mameli a scopi diversi da quelli celebrativi, né si profila violazione del diritto d'autore", spiega Guido Scorza, avvocato specializzato in copyright. Più di una volta in Parlamento sono sbarcati disegni di legge sul cerimoniale per l'esecuzione dell'inno nazionale, mai andati in porto. L'ultima proposta, in ordine di tempo, è del 22 maggio 2008, ma non è ancora iniziato l'esame. In assenza di una regolamentazione, resta comunque la querelle sull'opportunità dell'utililizzo per scopi commerciali. Secondo Scorza, "non c'è volontà vilipendiosa o satirica. E' solo un colpo di teatro pubblicitario. L'inno ne esce assolutamente bene".

Il dibattito sul web. Divisa anche la piazza virtuale. Il dibattito impazza infatti sui forum dei siti commerciali. Tra i tanti commenti di disapprovazione, emergono anche voci discordanti, che nello spot non ravvisano nulla di offensivo.


Origine: Repubblica

25-05-2018 - Il sindaco e il principe oggi insieme per far rinascere Amatrice
25-05-2018 - Ruby ter, il presidente del tribunale dice sì alla riunione dei processi
25-05-2018 - Abusi sui figli che ritrattano, padre risarcito con 400mila euro per i 1000 giorni di galera
25-05-2018 - A Federica Angeli il premio "Daphne Caruana Galizia"
25-05-2018 - Migranti, fuga di massa da un carcere libico. I trafficanti sparano sulla folla, 20 feriti
25-05-2018 - L'esercito dei bimbi scomparsi: in Italia sparisce un minore ogni due giorni
25-05-2018 - Farah, rientrata in Italia la ragazza pachistana riportata in patria per farla abortire
24-05-2018 - Livorno, prof cerca di aprire una finestra ma il pavimento in cartongesso cede: giù da 3 metri
24-05-2018 - Circo Massimo, Di Matteo: "Lotta alla mafia? In campagna elettorale se n'è parlato poco"
24-05-2018 - Taranto, professore picchiato a scuola dal padre di uno studente che aveva sospeso
24-05-2018 - "Sistematiche violenze": due maestre d'asilo arrestate a Colorno
24-05-2018 - Alitalia, indagine per bancarotta. Nel mirino la gestione Etihad
23-05-2018 - I giudici: "Aberrante poter chiedere il danno d'immagine per gli assenteisti e non per le torture del G8"
23-05-2018 - Neonato abbandonato in centro a Brescia: il piccolo sta bene, si cercano i genitori
23-05-2018 - Varese, scambia il bagnoschiuma con l'acido solforico: ustionato mentre fa la doccia
23-05-2018 - Chiamano la figlia Blu, genitori convocati in procura: "Nome non corrisponde al sesso, rettificatelo"
23-05-2018 - Ruby Ter, rischio prescrizione per gli imputati per falsa testimonianza
23-05-2018 - Antoci, l'agguato resta senza colpevoli. Chiesta l'archiviazione del caso
23-05-2018 - La Soprintendenza vieta il concerto dello Stato sociale in piazza Maggiore. "Ma chi sono?"
23-05-2018 - Giardinieri sì, purché italiani: bando pubblico discriminatorio bloccato dal tribunale di Torino
23-05-2018 - Palermo, omicidio Salvato: lo zio della vittima confessa il delitto
22-05-2018 - Cartellino addio, si lavora fuori dall'ufficio: la sperimentazione in Emilia Romagna
22-05-2018 - Milano, urta lo specchietto durante un sorpasso e viene picchiato con una mazza da baseball: è grave
22-05-2018 - Papa Francesco a un omosessuale: "Dio ti ha creato così e ti ama come sei"
22-05-2018 - Fermo, lite finisce in tragedia: spara alla moglie e la uccide
22-05-2018 - Parma, incidente nella polveriera: operaio in rianimazione
22-05-2018 - Scossa di terremoto di magnitudo 3.8 nelle Marche. Evacuate alcune scuole
22-05-2018 - Tremila candidati per 5 posti, assalto annunciato al concorso per infermieri a Torino
21-05-2018 - Incidenti sul lavoro: niente consegne a domicilio, il 25 maggio sarà sciopero dei "rider"
21-05-2018 - Torino, riti voodo via Skype per costringere le ragazze a prostituirsi



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy