FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Shopping    >> FORUM <<  


1 In Spagna il bimbo m...119
2 Pozzallo, la polizia...48
3 Roma-Fiorentina, il ...38
4 Lettere al direttore...36
5 Bolivia, si ribalta ...35
6 Mercati in attesa de...34
7 Ucraina, Putin: "Imp...33
8 Scuola, in arrivo la...33
9 Gli Usa frenano le B...33
10 Peperoncino, l'elisi...32
11 Romario: "Messi ha u...32
12 Ue, la svolta Juncke...30
13 Il cavallo è assetat...30
14 Sblocca Italia, per ...29
15 Banco Popolare, la B...29
16 Renzi: "Non mi pento...28
17 Quando l'arte va in ...28
18 Telefonata di Merkel...27
19 "Se non ora, quando?...27
20 Livorno, Catania e B...26
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 14 ottobre 2009 ore 15:52 - Visite 277
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"

Un'azienda utilizza il brano per pubblicizzare calze e collant
Il viceministro del Lavoro: "Piuttosto bisognerebbe fare pubblicità all'Inno"
L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"
Il presidente della Provincia di Savona: "Ritirate subito lo spot"
Gasparri: "Non si mescolano le ragioni del commercio con quelle della nazione"
di GIUSI SPICA


ROMA - L'Inno di Mameli utilizzato come colonna sonora dello spot pubblicitario di una nota azienda che produce calze e collant. Cantato da una voce femminile, che esalta lo spirito da "sorelle d'Italia". Ed è subito polemica. Il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli, dice che piuttosto sarebbe meglio "fare pubblicità all'Inno". Più duro il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza: "E' una vergogna". E il coordinatore del Pdl milanese, Romano La Russa, invoca l'intervento dell'Authorithy per le Telecomunicazioni.

Lo spot. Si chiama "Sorelle d'Italia" la colonna sonora del nuovo spot di Calzedonia. La pubblicità sotto accusa, realizzata da Saatchi&Saatchi e diretta dal regista Luca Lucini, si apre con un risveglio sulla campagna romana e finisce con un suggestivo tramonto sui tetti della capitale. Nel video scorrono le immagini di donne che, avvolte in calze e collant, si abbandonano a momenti di svago o relax. Alla fine, una dedica: "A Italia, Vittoria, Laura e tutte le altre".

L'azienda si difende. In una nota, si spiega che non c'è alcun intento satirico: "Lo spot rappresenta un omaggio che Calzedonia dedica a tutte le donne attraverso un'inedita interpretazione al femminile dell'Inno - si legge nel comunicato - dove i termini Italia e Vittoria vengono fatti rivivere per la prima volta con il significato di nomi di donna. Un messaggio forte che fa appello alle infinite risorse delle donne".

Il precedente. La trovata pubblicitaria del noto brand non rappresenta l'unico esempio di un utilizzo più o meno "improprio" dell'Inno. Già l'attore milanese Paolo Rossi, durante uno spettacolo teatrale, aveva utilizzato le parole di Fratelli d'Italia, ma sulle note di Sapore di sale, per fare la parodia dell'Italietta.

Le reazioni. Dopo la messa in onda, subito sono scattate le polemiche. "Più che usare l'inno nazionale distorto per fare pubblicità, bisognerebbe fare pubblicità all'inno nazionale", dice il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli. Più duro il commento Angelo Vaccarezza, presidente della Provincia di Savona e fervido sostenitore dell'importanza dei simboli nazionali: "Con il canto degli italiani non si gioca. E non si può nemmeno metterlo sotto i piedi. Sentirlo in un spot di calze da donna è una vergogna. Chiedo all'azienda di toglierlo". Sull'argomento è intervenuto anche Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato: "Bisognerebbe evitare di mescolare
il commercio con l'Inno d'Italia, che va sempre rispettato".

Crosetto: "Uno spot bellissimo". Al fronte degli indignati risponde Guido Crosetto, sottosegretario alla Difesa: "Lo spot con l'Inno di Mameli? Bellissimo". Sorpreso per la reazione dei compagni di partito, commenta: "Ci sono altre cose per cui indignarsi, non certo per l'intelligenza e la fantasia".

Il giurista: "E' assolutamente legittimo". Sotto il profilo giuridico, lo spot è assolutamente legittimo. "Non c'è alcuna legge che vieti di utilizzare l'inno di Mameli a scopi diversi da quelli celebrativi, né si profila violazione del diritto d'autore", spiega Guido Scorza, avvocato specializzato in copyright. Più di una volta in Parlamento sono sbarcati disegni di legge sul cerimoniale per l'esecuzione dell'inno nazionale, mai andati in porto. L'ultima proposta, in ordine di tempo, è del 22 maggio 2008, ma non è ancora iniziato l'esame. In assenza di una regolamentazione, resta comunque la querelle sull'opportunità dell'utililizzo per scopi commerciali. Secondo Scorza, "non c'è volontà vilipendiosa o satirica. E' solo un colpo di teatro pubblicitario. L'inno ne esce assolutamente bene".

Il dibattito sul web. Divisa anche la piazza virtuale. Il dibattito impazza infatti sui forum dei siti commerciali. Tra i tanti commenti di disapprovazione, emergono anche voci discordanti, che nello spot non ravvisano nulla di offensivo.


Origine: Repubblica

01-09-2014 - Ciociaria, trovato morto cucciolo di orso: forse avvelenato
01-09-2014 - Controesodo, ultima domenica di rientri su strade e autostrade
01-09-2014 - Pozzallo, la polizia salva uno scafista dai migranti che volevano linciarlo
01-09-2014 - Multato perché si gratta l'orecchio, ma il giudice di pace condanna i vigili
01-09-2014 - A Napoli la camorra spara ancora, ucciso un pregiudicato
31-08-2014 - Medico lavora 15 giorni in 9 anni, verifica all'Asp di Catania
30-08-2014 - In ventimila alla Perdonanza nell'Aquila ancora ferita
30-08-2014 - Milano, va in giro con la spranga e minaccia la gente. "Ma non riusciamo a neutralizzarlo"
30-08-2014 - Divorzi più facili, basta la 'convenzione' con un avvocato
28-08-2014 - Federalberghi contro TripAdvisor: "Recensito hotel chiuso". Poi il sito cancella il commento
28-08-2014 - Uccide il marito con 40 coltellate e tenta il suicidio a Siracusa
28-08-2014 - Gallipoli, scandalo sexy sulla spiaggia. I residenti: "Basta turisti cafoni"
27-08-2014 - Venticinque chilometri contromano in autostrada, bloccato dalla Stradale con un tir di traverso: "Scusate, sono molto stanco"
27-08-2014 - Immigrazione, peschereccio si capovolge: altri 6 morti nel Canale di Sicilia
27-08-2014 - La Venere di Botticelli a Venaria, il progetto di Sgarbi per Expo
26-08-2014 - Stamina, Nas sequestrano cellule. La fondazione: "Bloccata la cura di Noemi"
26-08-2014 - Sabaudia, vip sotto accusa per varchi chiusi e abusi edilizi
25-08-2014 - Caso Yara, parola chiave: tredicenne. Nel computer di Bossetti le ricerche sui siti pedofili
24-08-2014 - Incidenti sul lavoro, marittimo muore su una nave a largo di Ravenna
24-08-2014 - Genny 'a carogna su corsia d'emergenza, ritirata la patente a Catania
23-08-2014 - Milano, saranno multati e sospesi i vigili che saranno scoperti a fumare in ufficio
22-08-2014 - 'Ndrangheta: arrestato a Roma Vincenzo Crisafi, latitante di San Luca
21-08-2014 - Cadavere carbonizzato di un uomo scoperto nel Reggiano: è un omicidio
21-08-2014 - Mirabilandia, visitatori restano sospesi a 13 metri d'altezza
21-08-2014 - Il Bianco uccide ancora: morti altri tre alpinisti
21-08-2014 - Mangiano fiori consigliati in tv: due anziani restano intossicati
21-08-2014 - Emergenza migranti, l'Ue gela l'Italia su Frontex: "Non ha i mezzi per subentrare a Mare nostrum"
21-08-2014 - Ragusa, preso l'omicida del giovane bracciante. Il delitto per "conquistare" un lavoro nei campi
20-08-2014 - Uccide la moglie e scappa, caccia all'uomo nel Reggino
20-08-2014 - Milano, mazzette e riciclaggio: nasce un nuovo pool per battere le reti internazionali



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy