FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 Torino, ultrà suicid...38
2 Sviluppo sostenibile...38
3 Fabrizio Corona esce...37
4 Rifiuti e tangenti: ...37
5 Uguali o diversi? A ...36
6 Meteo, ondata di gel...36
7 Catania, sequestrano...36
8 Enna, no alla cava: ...35
9 Arriva la rivoluzion...35
10 Embraco ferma sui li...35
11 Montelupo, aggressio...35
12 Regionali Lazio, Lom...35
13 Tesla, attacco hacke...35
14 La mappa della corru...35
15 Alfredo Romeo a giud...35
16 Boko Haram, nuovo at...35
17 Prete condannato per...34
18 Novara, tre bambini ...34
19 Caltanissetta, la fi...34
20 Elezioni, Juncker: "...34
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 14 ottobre 2009 ore 15:52 - Visite 363
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"

Un'azienda utilizza il brano per pubblicizzare calze e collant
Il viceministro del Lavoro: "Piuttosto bisognerebbe fare pubblicità all'Inno"
L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"
Il presidente della Provincia di Savona: "Ritirate subito lo spot"
Gasparri: "Non si mescolano le ragioni del commercio con quelle della nazione"
di GIUSI SPICA


ROMA - L'Inno di Mameli utilizzato come colonna sonora dello spot pubblicitario di una nota azienda che produce calze e collant. Cantato da una voce femminile, che esalta lo spirito da "sorelle d'Italia". Ed è subito polemica. Il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli, dice che piuttosto sarebbe meglio "fare pubblicità all'Inno". Più duro il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza: "E' una vergogna". E il coordinatore del Pdl milanese, Romano La Russa, invoca l'intervento dell'Authorithy per le Telecomunicazioni.

Lo spot. Si chiama "Sorelle d'Italia" la colonna sonora del nuovo spot di Calzedonia. La pubblicità sotto accusa, realizzata da Saatchi&Saatchi e diretta dal regista Luca Lucini, si apre con un risveglio sulla campagna romana e finisce con un suggestivo tramonto sui tetti della capitale. Nel video scorrono le immagini di donne che, avvolte in calze e collant, si abbandonano a momenti di svago o relax. Alla fine, una dedica: "A Italia, Vittoria, Laura e tutte le altre".

L'azienda si difende. In una nota, si spiega che non c'è alcun intento satirico: "Lo spot rappresenta un omaggio che Calzedonia dedica a tutte le donne attraverso un'inedita interpretazione al femminile dell'Inno - si legge nel comunicato - dove i termini Italia e Vittoria vengono fatti rivivere per la prima volta con il significato di nomi di donna. Un messaggio forte che fa appello alle infinite risorse delle donne".

Il precedente. La trovata pubblicitaria del noto brand non rappresenta l'unico esempio di un utilizzo più o meno "improprio" dell'Inno. Già l'attore milanese Paolo Rossi, durante uno spettacolo teatrale, aveva utilizzato le parole di Fratelli d'Italia, ma sulle note di Sapore di sale, per fare la parodia dell'Italietta.

Le reazioni. Dopo la messa in onda, subito sono scattate le polemiche. "Più che usare l'inno nazionale distorto per fare pubblicità, bisognerebbe fare pubblicità all'inno nazionale", dice il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli. Più duro il commento Angelo Vaccarezza, presidente della Provincia di Savona e fervido sostenitore dell'importanza dei simboli nazionali: "Con il canto degli italiani non si gioca. E non si può nemmeno metterlo sotto i piedi. Sentirlo in un spot di calze da donna è una vergogna. Chiedo all'azienda di toglierlo". Sull'argomento è intervenuto anche Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato: "Bisognerebbe evitare di mescolare
il commercio con l'Inno d'Italia, che va sempre rispettato".

Crosetto: "Uno spot bellissimo". Al fronte degli indignati risponde Guido Crosetto, sottosegretario alla Difesa: "Lo spot con l'Inno di Mameli? Bellissimo". Sorpreso per la reazione dei compagni di partito, commenta: "Ci sono altre cose per cui indignarsi, non certo per l'intelligenza e la fantasia".

Il giurista: "E' assolutamente legittimo". Sotto il profilo giuridico, lo spot è assolutamente legittimo. "Non c'è alcuna legge che vieti di utilizzare l'inno di Mameli a scopi diversi da quelli celebrativi, né si profila violazione del diritto d'autore", spiega Guido Scorza, avvocato specializzato in copyright. Più di una volta in Parlamento sono sbarcati disegni di legge sul cerimoniale per l'esecuzione dell'inno nazionale, mai andati in porto. L'ultima proposta, in ordine di tempo, è del 22 maggio 2008, ma non è ancora iniziato l'esame. In assenza di una regolamentazione, resta comunque la querelle sull'opportunità dell'utililizzo per scopi commerciali. Secondo Scorza, "non c'è volontà vilipendiosa o satirica. E' solo un colpo di teatro pubblicitario. L'inno ne esce assolutamente bene".

Il dibattito sul web. Divisa anche la piazza virtuale. Il dibattito impazza infatti sui forum dei siti commerciali. Tra i tanti commenti di disapprovazione, emergono anche voci discordanti, che nello spot non ravvisano nulla di offensivo.


Origine: Repubblica

23-02-2018 - Platì, il comune commissariato a vita
23-02-2018 - Trent'anni di carcere per l'infermiera di Saronno e rinvio a giudizio per il medico e amante
23-02-2018 - Acireale, arrestati il sindaco Barbagallo ed altri sette in indagine per corruzione e appalti truccati
23-02-2018 - Maltempo, Nord Italia sotto la neve, spiagge imbiancate in Veneto, passi alpini chiusi in Piemonte
23-02-2018 - Roma, tensione in centro per migranti per il mancato pagamento della diaria
23-02-2018 - Carceri, via libera parziale all'attuazione della riforma in Consiglio dei ministri
23-02-2018 - Ema, il Consiglio europeo ribatte al Comune di Milano: "Ricorso irricevibile". Sala: "Partita aperta"
23-02-2018 - Perugia, rissa fra Casapound e Potere al popolo: cinque indagati
23-02-2018 - Sassaiola dal corteo antifascista contro CasaPound, notte di guerriglia in centro a Torino
23-02-2018 - Divorzio Berlusconi-Lario, botta e risposta. Lui: "Non volevo nulla". Lei: "Non è vero"
23-02-2018 - Meteo, arriva il gelo dalla Siberia: neve al Nord, pioggia al Sud
23-02-2018 - Il Cnr di Montelibretti ha un record: i parenti assunti
23-02-2018 - L'appello della mamma di Pamela: "Adesso basta. Chi sa parli, o sarà complice"
22-02-2018 - Commissione antimafia rilancia: "Infiltrazioni al Nord". Minniti: "Clan possono condizionare il voto"
22-02-2018 - Madre e figlia morte in casa a Ornago, l'autopsia dice che non fu un omicidio: 75enne verso la scarcerazione
22-02-2018 - Fabrizio Corona esce dal carcere e va in comunità, lui: "Troppi 16 mesi per avere giustizia"
22-02-2018 - Palermo, il leader di Forza Nuova pestato e legato. Fermati due militanti dello studentato "Malarazza"
22-02-2018 - Piacenza, aggredisce moglie e figlio riducendoli in fin di vita
22-02-2018 - Meteo, ondata di gelo sull'Italia: dalla Siberia arriva il burian
22-02-2018 - Cento falsi maestri assunti nelle scuole in tutta Italia
22-02-2018 - Perugia, accoltellato militante di Potere al popolo
22-02-2018 - Taranto, accoltella al petto una poliziotta: lei si salva grazie al cellulare nel taschino
21-02-2018 - Uccisero i genitori a Pontelangorino, condannati a 18 anni il figlio e l'amico
21-02-2018 - Palermo, aggressione a segretario provinciale di Forza Nuova: legato e pestato
21-02-2018 - Saluto fascista, la Cassazione: "Non è reato se commemorativo" e conferma due assoluzioni a Milano
21-02-2018 - Pistoia, aggrediscono anziano invalido e postano il video online: identificati 5 minori
21-02-2018 - Erostrato, la difesa dei sospetti: "Siamo appassionati di esoterismo e riti satanici ma non siamo noi"
21-02-2018 - Giulianova, diciassettenne accoltellato al volto da un compagno a scuola
21-02-2018 - Il mega-blitz di Agrigento: scarcerati 21 arrestati su 58
21-02-2018 - Milano, lite a colpi di coltello: grave un ragazzo di 27 anni



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy