FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 Duemila candidati in...83
2 Salone Libro, editor...81
3 Chiude il campionato...80
4 Daniele Vicari denun...74
5 L'Aic contro la Lega...60
6 Turchia, la vendetta...55
7 Usa, Obama: "Hillary...53
8 Anemone va dai pm e ...48
9 Giornata mondiale co...47
10 Il matrimonio via Sk...46
11 Parma, aggressione o...45
12 Laterza lancia Bolog...42
13 Florida, 4 casi di Z...41
14 Online il software d...41
15 Turchia, la battagli...40
16 Traffico in tempo re...40
17 Morì a 3 anni nel Na...39
18 Incubo knockout game...39
19 Le foto dei figli su...39
20 "Roma 2024" su un bi...38
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 14 ottobre 2009 ore 15:52 - Visite 349
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"

Un'azienda utilizza il brano per pubblicizzare calze e collant
Il viceministro del Lavoro: "Piuttosto bisognerebbe fare pubblicità all'Inno"
L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"
Il presidente della Provincia di Savona: "Ritirate subito lo spot"
Gasparri: "Non si mescolano le ragioni del commercio con quelle della nazione"
di GIUSI SPICA


ROMA - L'Inno di Mameli utilizzato come colonna sonora dello spot pubblicitario di una nota azienda che produce calze e collant. Cantato da una voce femminile, che esalta lo spirito da "sorelle d'Italia". Ed è subito polemica. Il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli, dice che piuttosto sarebbe meglio "fare pubblicità all'Inno". Più duro il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza: "E' una vergogna". E il coordinatore del Pdl milanese, Romano La Russa, invoca l'intervento dell'Authorithy per le Telecomunicazioni.

Lo spot. Si chiama "Sorelle d'Italia" la colonna sonora del nuovo spot di Calzedonia. La pubblicità sotto accusa, realizzata da Saatchi&Saatchi e diretta dal regista Luca Lucini, si apre con un risveglio sulla campagna romana e finisce con un suggestivo tramonto sui tetti della capitale. Nel video scorrono le immagini di donne che, avvolte in calze e collant, si abbandonano a momenti di svago o relax. Alla fine, una dedica: "A Italia, Vittoria, Laura e tutte le altre".

L'azienda si difende. In una nota, si spiega che non c'è alcun intento satirico: "Lo spot rappresenta un omaggio che Calzedonia dedica a tutte le donne attraverso un'inedita interpretazione al femminile dell'Inno - si legge nel comunicato - dove i termini Italia e Vittoria vengono fatti rivivere per la prima volta con il significato di nomi di donna. Un messaggio forte che fa appello alle infinite risorse delle donne".

Il precedente. La trovata pubblicitaria del noto brand non rappresenta l'unico esempio di un utilizzo più o meno "improprio" dell'Inno. Già l'attore milanese Paolo Rossi, durante uno spettacolo teatrale, aveva utilizzato le parole di Fratelli d'Italia, ma sulle note di Sapore di sale, per fare la parodia dell'Italietta.

Le reazioni. Dopo la messa in onda, subito sono scattate le polemiche. "Più che usare l'inno nazionale distorto per fare pubblicità, bisognerebbe fare pubblicità all'inno nazionale", dice il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli. Più duro il commento Angelo Vaccarezza, presidente della Provincia di Savona e fervido sostenitore dell'importanza dei simboli nazionali: "Con il canto degli italiani non si gioca. E non si può nemmeno metterlo sotto i piedi. Sentirlo in un spot di calze da donna è una vergogna. Chiedo all'azienda di toglierlo". Sull'argomento è intervenuto anche Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato: "Bisognerebbe evitare di mescolare
il commercio con l'Inno d'Italia, che va sempre rispettato".

Crosetto: "Uno spot bellissimo". Al fronte degli indignati risponde Guido Crosetto, sottosegretario alla Difesa: "Lo spot con l'Inno di Mameli? Bellissimo". Sorpreso per la reazione dei compagni di partito, commenta: "Ci sono altre cose per cui indignarsi, non certo per l'intelligenza e la fantasia".

Il giurista: "E' assolutamente legittimo". Sotto il profilo giuridico, lo spot è assolutamente legittimo. "Non c'è alcuna legge che vieti di utilizzare l'inno di Mameli a scopi diversi da quelli celebrativi, né si profila violazione del diritto d'autore", spiega Guido Scorza, avvocato specializzato in copyright. Più di una volta in Parlamento sono sbarcati disegni di legge sul cerimoniale per l'esecuzione dell'inno nazionale, mai andati in porto. L'ultima proposta, in ordine di tempo, è del 22 maggio 2008, ma non è ancora iniziato l'esame. In assenza di una regolamentazione, resta comunque la querelle sull'opportunità dell'utililizzo per scopi commerciali. Secondo Scorza, "non c'è volontà vilipendiosa o satirica. E' solo un colpo di teatro pubblicitario. L'inno ne esce assolutamente bene".

Il dibattito sul web. Divisa anche la piazza virtuale. Il dibattito impazza infatti sui forum dei siti commerciali. Tra i tanti commenti di disapprovazione, emergono anche voci discordanti, che nello spot non ravvisano nulla di offensivo.


Origine: Repubblica

30-07-2016 - "Basta con quelle telefonate moleste": un registro per cancellarsi dal telemarketing
30-07-2016 - "Roma 2024" su un binario morto. Star in campo, Raggi dice no
30-07-2016 - Salerno, donna somala massacrata di botte: è in coma
30-07-2016 - Terrorismo, tre anni di sorveglianza speciale per la 30enne bresciana che voleva andare in Siria
30-07-2016 - Stamina, la "cura" proibita in Italia riparte in Georgia: "Vannoni è il supervisore"
30-07-2016 - Laterza lancia Bologna per il Salone del libro
29-07-2016 - Le foto dei figli su Facebook nel divorzio di mamme e papà
29-07-2016 - Ferrari e case con i soldi di Etruria, due arresti per la bancarotta della Privilege Yard
29-07-2016 - Milano, arrestato deejay 23enne spagnolo: "E' lui il picchiatore seriale"
29-07-2016 - Sottufficiale dei carabinieri ai domiciliari. "Consegnò a Cosentino carte riservate su Cesaro"
29-07-2016 - Il matrimonio via Skype? E' valido
29-07-2016 - Roma, esplosione in villetta a Frattocchie: un morto e quattro feriti gravi
29-07-2016 - Morì a 3 anni nel Napoletano: su Carla lo spettro degli abusi sessuali
29-07-2016 - Torino, no della sindaca e di M5S ai rifiuti siciliani nell'inceneritore del Gerbido
28-07-2016 - Salone Libro, editori rompono gli indugi: "Addio Torino, vogliamo farlo a Milano"
28-07-2016 - Se mi lasci ti cancello: tatuaggi, è boom dei pentimenti
28-07-2016 - Bari, il telelaser inchioda un ultraottantenne che guidava a 100 orari in città: patente revocata
28-07-2016 - Brindisi, la lite in famiglia finisce in tragedia: padre uccide il figlio 33enne e si costituisce
28-07-2016 - Salone del Libro, scende in campo l'editrice della Stampa: "Sponsor per tre anni purché resti a Torino"
28-07-2016 - Capaci bis, altri quattro ergastoli. Assolto Vittorio Tutino, ma resta in cella
28-07-2016 - Dimentica la figlia in auto per ore, gravissima una bimba nel Livornese
28-07-2016 - Trova disabili nel villaggio vacanze, la recensione: ?Non è un bello spettacolo". Sdegno social, "commento ignobile"
27-07-2016 - Islam, Regione Lombardia scrive a tutti i sindaci: "Segnalate la mappa delle moschee"
27-07-2016 - Bari, rapina armata in un supermercato: una 13enne nel commando, cinque arrestati
27-07-2016 - Rifiuti in viaggio nell'estate del caos: il Sud li esporta, il Nord ci guadagna
26-07-2016 - Sedicenne violentata e ricattata dal branco nel Napoletano, 11 minorenni arrestati
26-07-2016 - Legalizzazione cannabis, così può indebolire mafie e terrorismo
26-07-2016 - Tre scalatori morti e un ferito grave, domenica di sangue sulle Alpi piemontesi
26-07-2016 - Migranti, 41 corpi su una spiaggia della Libia. Nuovi sbarchi a Vibo, Cagliari e Messina
24-07-2016 - Lombardia, ritorno a scuola con il telefono anti-gender: rispondono gli ultrà del Family Day



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy