FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Shopping    >> FORUM <<  


1 Il Partito del premi...56
2 G8, Cassazione: "A B...31
3 Usa: 12enne nero arm...29
4 Regionali, l'astensi...24
5 Milano, perde il bim...24
6  Driver minacciati, ...24
7 L'agricoltura si rin...21
8 Papa: "Momento diffi...21
9 Duello continuo Renz...20
10 Svizzera, cercasi tr...20
11 Napoli-Cagliari 3-3...20
12 Genova, rissa fuori ...19
13 Terremoto in Giappon...19
14 Milano, Brega Masson...18
15 Udinese, Guidolin: "...17
16 Vine, quei sei secon...17
17 Ecco la riforma dell...16
18 Pillola dei 5 giorni...16
19 L'albergo folle di P...16
20 Milano, un Blackberr...15
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 14 ottobre 2009 ore 15:52 - Visite 285
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"

Un'azienda utilizza il brano per pubblicizzare calze e collant
Il viceministro del Lavoro: "Piuttosto bisognerebbe fare pubblicità all'Inno"
L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"
Il presidente della Provincia di Savona: "Ritirate subito lo spot"
Gasparri: "Non si mescolano le ragioni del commercio con quelle della nazione"
di GIUSI SPICA


ROMA - L'Inno di Mameli utilizzato come colonna sonora dello spot pubblicitario di una nota azienda che produce calze e collant. Cantato da una voce femminile, che esalta lo spirito da "sorelle d'Italia". Ed è subito polemica. Il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli, dice che piuttosto sarebbe meglio "fare pubblicità all'Inno". Più duro il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza: "E' una vergogna". E il coordinatore del Pdl milanese, Romano La Russa, invoca l'intervento dell'Authorithy per le Telecomunicazioni.

Lo spot. Si chiama "Sorelle d'Italia" la colonna sonora del nuovo spot di Calzedonia. La pubblicità sotto accusa, realizzata da Saatchi&Saatchi e diretta dal regista Luca Lucini, si apre con un risveglio sulla campagna romana e finisce con un suggestivo tramonto sui tetti della capitale. Nel video scorrono le immagini di donne che, avvolte in calze e collant, si abbandonano a momenti di svago o relax. Alla fine, una dedica: "A Italia, Vittoria, Laura e tutte le altre".

L'azienda si difende. In una nota, si spiega che non c'è alcun intento satirico: "Lo spot rappresenta un omaggio che Calzedonia dedica a tutte le donne attraverso un'inedita interpretazione al femminile dell'Inno - si legge nel comunicato - dove i termini Italia e Vittoria vengono fatti rivivere per la prima volta con il significato di nomi di donna. Un messaggio forte che fa appello alle infinite risorse delle donne".

Il precedente. La trovata pubblicitaria del noto brand non rappresenta l'unico esempio di un utilizzo più o meno "improprio" dell'Inno. Già l'attore milanese Paolo Rossi, durante uno spettacolo teatrale, aveva utilizzato le parole di Fratelli d'Italia, ma sulle note di Sapore di sale, per fare la parodia dell'Italietta.

Le reazioni. Dopo la messa in onda, subito sono scattate le polemiche. "Più che usare l'inno nazionale distorto per fare pubblicità, bisognerebbe fare pubblicità all'inno nazionale", dice il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli. Più duro il commento Angelo Vaccarezza, presidente della Provincia di Savona e fervido sostenitore dell'importanza dei simboli nazionali: "Con il canto degli italiani non si gioca. E non si può nemmeno metterlo sotto i piedi. Sentirlo in un spot di calze da donna è una vergogna. Chiedo all'azienda di toglierlo". Sull'argomento è intervenuto anche Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato: "Bisognerebbe evitare di mescolare
il commercio con l'Inno d'Italia, che va sempre rispettato".

Crosetto: "Uno spot bellissimo". Al fronte degli indignati risponde Guido Crosetto, sottosegretario alla Difesa: "Lo spot con l'Inno di Mameli? Bellissimo". Sorpreso per la reazione dei compagni di partito, commenta: "Ci sono altre cose per cui indignarsi, non certo per l'intelligenza e la fantasia".

Il giurista: "E' assolutamente legittimo". Sotto il profilo giuridico, lo spot è assolutamente legittimo. "Non c'è alcuna legge che vieti di utilizzare l'inno di Mameli a scopi diversi da quelli celebrativi, né si profila violazione del diritto d'autore", spiega Guido Scorza, avvocato specializzato in copyright. Più di una volta in Parlamento sono sbarcati disegni di legge sul cerimoniale per l'esecuzione dell'inno nazionale, mai andati in porto. L'ultima proposta, in ordine di tempo, è del 22 maggio 2008, ma non è ancora iniziato l'esame. In assenza di una regolamentazione, resta comunque la querelle sull'opportunità dell'utililizzo per scopi commerciali. Secondo Scorza, "non c'è volontà vilipendiosa o satirica. E' solo un colpo di teatro pubblicitario. L'inno ne esce assolutamente bene".

Il dibattito sul web. Divisa anche la piazza virtuale. Il dibattito impazza infatti sui forum dei siti commerciali. Tra i tanti commenti di disapprovazione, emergono anche voci discordanti, che nello spot non ravvisano nulla di offensivo.


Origine: Repubblica

24-11-2014 - Milano, un Blackberry violato col raggio laser ha incastrato i killer di via Muratori
24-11-2014 - Nuda sul cornicione di un palazzo a Roma, scappava da uno stupro
24-11-2014 - Tragedia al campus di Fisciano, studentessa investita e uccisa
24-11-2014 - Vigevano, sfregia la moglie con un coltello per non farla più uscire da casa: denunciato
24-11-2014 - "Non parlate del rischio tumori". Il manuale per i dirigenti Eternit benedetto da Schmidheiny
24-11-2014 - Vilipendio del capo dello Stato, sei mesi a Storace. "Solo io condannato per questo reato"
24-11-2014 - Sgombero al Corvetto, ha perso il bimbo la donna incinta coinvolta negli scontri
24-11-2014 - Milano, perde il bimbo dopo gli scontri al Corvetto: la Procura ordina l'autopsia sul feto
24-11-2014 - Milano, blackout nella notte al San Raffaele: l'intero ospedale al buio per quattro ore
24-11-2014 - Genova, rissa fuori da una discoteca, ucciso un ragazzo
24-11-2014 - Frana la strada, precipita con l'auto nel burrone
24-11-2014 - Spari in strada a Tor Bella Monaca, gambizzato un uomo
24-11-2014 - Lite per una sigaretta fuori da una discoteca a Roma, accoltellati due studenti
24-11-2014 - "Patti tra Servizi e mafia già negli anni 70". Nelle carte top secret anche il nome di Mori
24-11-2014 - Droga dalla Colombia, 800mila euro al mese per banda di trafficanti protetta dalla security
23-11-2014 - Catania, la mafia in affari con Matacena per i traghetti: 23 arresti
23-11-2014 - La Cassazione: "Giudizio sul disastro Eternit, non sui morti". Chiusa l'inchiesta-bis per omicidio. Renzi: "Prescrizione incubo, la cambierò"
23-11-2014 - Nestlè-Perugina, rientra il licenziamento della dipendente per un post su Facebook
23-11-2014 - Abitare dentro Villa Ada: l'affitto è di dieci euro al mese
22-11-2014 - Eliseo, sfratto eseguito. Il direttore: costretti a licenziare. Braccio di ferro con Luca Barbareschi
22-11-2014 - Giornata della memoria delle vittime di transfobia, candele accese in tutt?Italia
21-11-2014 - Mafia, operazione contro il clan Messina Denaro: 16 arresti
21-11-2014 - Latte in polvere, arrestati 12 pediatri
21-11-2014 - Brescia, uccide il figlio 40enne con una martellata in testa e una coltellata alla pancia
21-11-2014 - Carceri, detenuto suicida in cella a Como. Il Sappe: "Terzo caso in città nel giro di 2 mesi"
20-11-2014 - Birmingham, giovane aquilano ucciso a coltellate. Appena assunto al Casinò
20-11-2014 - Femminicidio, 2013 anno nero: "Ogni due giorni uccisa una donna"
20-11-2014 - Minorenne rinnega la madre che si è pentita: "Sei un'infame"
20-11-2014 - Vuoti gli archivi segreti delle stragi, Minniti: "Ma quelle carte aiutano a leggere la nostra storia"
20-11-2014 - Nestlè-Perugina, licenziata per un post su Facebook. L'azienda: minata l'autorevolezza di chi fa rispettare le regole



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy