FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 G8, Cassazione: "A B...75
2 Chiude il campionato...58
3 Il prof, l'alunno, l...49
4 Addio all'attrice An...44
5 Cannes, il meglio de...42
6 Dai correttori di bo...41
7 Quel classico così a...40
8 Il Far East Festival...38
9 L'addio alla regina ...37
10 Pistoletto: "Il mio ...35
11 Da Kandinsky a Pollo...35
12 "Da Vinci's Demon", ...35
13 I guardiani dello sp...34
14 "Eravamo bambini", i...34
15 Lo scettro ai cittad...33
16 Ripresa dell'Eurozon...33
17 Brexit, quasi tre mi...32
18 Mps: il mistero dell...30
19 Grande Gatsby, guerr...30
20 Caso Schwazer, 'colp...29
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 14 ottobre 2009 ore 15:52 - Visite 348
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"

Un'azienda utilizza il brano per pubblicizzare calze e collant
Il viceministro del Lavoro: "Piuttosto bisognerebbe fare pubblicità all'Inno"
L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"
Il presidente della Provincia di Savona: "Ritirate subito lo spot"
Gasparri: "Non si mescolano le ragioni del commercio con quelle della nazione"
di GIUSI SPICA


ROMA - L'Inno di Mameli utilizzato come colonna sonora dello spot pubblicitario di una nota azienda che produce calze e collant. Cantato da una voce femminile, che esalta lo spirito da "sorelle d'Italia". Ed è subito polemica. Il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli, dice che piuttosto sarebbe meglio "fare pubblicità all'Inno". Più duro il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza: "E' una vergogna". E il coordinatore del Pdl milanese, Romano La Russa, invoca l'intervento dell'Authorithy per le Telecomunicazioni.

Lo spot. Si chiama "Sorelle d'Italia" la colonna sonora del nuovo spot di Calzedonia. La pubblicità sotto accusa, realizzata da Saatchi&Saatchi e diretta dal regista Luca Lucini, si apre con un risveglio sulla campagna romana e finisce con un suggestivo tramonto sui tetti della capitale. Nel video scorrono le immagini di donne che, avvolte in calze e collant, si abbandonano a momenti di svago o relax. Alla fine, una dedica: "A Italia, Vittoria, Laura e tutte le altre".

L'azienda si difende. In una nota, si spiega che non c'è alcun intento satirico: "Lo spot rappresenta un omaggio che Calzedonia dedica a tutte le donne attraverso un'inedita interpretazione al femminile dell'Inno - si legge nel comunicato - dove i termini Italia e Vittoria vengono fatti rivivere per la prima volta con il significato di nomi di donna. Un messaggio forte che fa appello alle infinite risorse delle donne".

Il precedente. La trovata pubblicitaria del noto brand non rappresenta l'unico esempio di un utilizzo più o meno "improprio" dell'Inno. Già l'attore milanese Paolo Rossi, durante uno spettacolo teatrale, aveva utilizzato le parole di Fratelli d'Italia, ma sulle note di Sapore di sale, per fare la parodia dell'Italietta.

Le reazioni. Dopo la messa in onda, subito sono scattate le polemiche. "Più che usare l'inno nazionale distorto per fare pubblicità, bisognerebbe fare pubblicità all'inno nazionale", dice il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli. Più duro il commento Angelo Vaccarezza, presidente della Provincia di Savona e fervido sostenitore dell'importanza dei simboli nazionali: "Con il canto degli italiani non si gioca. E non si può nemmeno metterlo sotto i piedi. Sentirlo in un spot di calze da donna è una vergogna. Chiedo all'azienda di toglierlo". Sull'argomento è intervenuto anche Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato: "Bisognerebbe evitare di mescolare
il commercio con l'Inno d'Italia, che va sempre rispettato".

Crosetto: "Uno spot bellissimo". Al fronte degli indignati risponde Guido Crosetto, sottosegretario alla Difesa: "Lo spot con l'Inno di Mameli? Bellissimo". Sorpreso per la reazione dei compagni di partito, commenta: "Ci sono altre cose per cui indignarsi, non certo per l'intelligenza e la fantasia".

Il giurista: "E' assolutamente legittimo". Sotto il profilo giuridico, lo spot è assolutamente legittimo. "Non c'è alcuna legge che vieti di utilizzare l'inno di Mameli a scopi diversi da quelli celebrativi, né si profila violazione del diritto d'autore", spiega Guido Scorza, avvocato specializzato in copyright. Più di una volta in Parlamento sono sbarcati disegni di legge sul cerimoniale per l'esecuzione dell'inno nazionale, mai andati in porto. L'ultima proposta, in ordine di tempo, è del 22 maggio 2008, ma non è ancora iniziato l'esame. In assenza di una regolamentazione, resta comunque la querelle sull'opportunità dell'utililizzo per scopi commerciali. Secondo Scorza, "non c'è volontà vilipendiosa o satirica. E' solo un colpo di teatro pubblicitario. L'inno ne esce assolutamente bene".

Il dibattito sul web. Divisa anche la piazza virtuale. Il dibattito impazza infatti sui forum dei siti commerciali. Tra i tanti commenti di disapprovazione, emergono anche voci discordanti, che nello spot non ravvisano nulla di offensivo.


Origine: Repubblica

27-06-2016 - Asti, annega in piscina sotto gli occhi degli amici: "Pensavamo scherzasse"
27-06-2016 - Agrigento, auto travolge ciclisti in gara: un morto
27-06-2016 - Arrestato sull'Aspromonte il boss della 'ndrangheta Ernesto Fazzalari
27-06-2016 - Droghe sintetiche, blitz dei Nas: 22 arresti
27-06-2016 - Taranto, scontro frontale sull'Appia: sei morti
27-06-2016 - Reggio Emilia, ragazza di 24 anni annega nel fiume
26-06-2016 - Piacenza, uccide la moglie e si toglie la vita
26-06-2016 - Canelli, baby-spacciatori e baby-clienti: smantellata banda, una dodicenne tra i consumatori
25-06-2016 - Bertone e il costruttore degli yacht fantasma: s?indaga sulle donazioni da 700 mila euro
24-06-2016 - La Spezia, scossa di terremoto 4.0
24-06-2016 - Trento, scuola condannata per discriminazione sessuale
24-06-2016 - Caso Fortuna, la sorella di Titò: "Antonio è stato ucciso da sua madre". La donna si difende: "Fu un incidente"
24-06-2016 - Il cold case di Catanzaro: delitto di un fotografo risolto a 20 anni di distanza
24-06-2016 - Sfugge al controllo della mamma, bimba di 6 anni muore annegata nel Teramano
24-06-2016 - Milano, in carrozzella sui mezzi pubblici. La denuncia su Fb: "Con Atm odissea quotidiana"
23-06-2016 - Cassazione, sì alla stepchild adoption in casi particolari
23-06-2016 - Una sentenza che nessun tribunale potrà ignorare
23-06-2016 - Christo a Sulzano, il paese scoppia: odissea in stazione a Brescia, pontili chiusi di notte
23-06-2016 - Roma, donna uccisa in casa all'Alberone: arrestato il figlio. "Non mi voleva dire chi era mio padre"
23-06-2016 - Ricerca shock sull'incesto in Campania. L'allarme del garante per l'infanzia
23-06-2016 - Zanzare, a Bari un'app del Comune per segnalare il luogo della città e l'ora in cui si è stati punti
22-06-2016 - Auto investe gruppo ciclisti, un morto e un ferito nel veronese
22-06-2016 - Torino, blitz all'alba della Digos contro i No Tav: venti misure cautelari, undici arresti
22-06-2016 - Attacco informatico a sito Invalsi, denunciati 4 hacker
22-06-2016 - Taranto, 35 arresti per associazione mafiosa. Il boss Di Pierro: "La città è nostra"
22-06-2016 - Riti Voodoo per fare prostituire le ragazze nigeriane, una vittima fugge e fa arrestare i trafficanti
22-06-2016 - Tragico scontro sulla Fi-Pi-Li, morte due bambine
22-06-2016 - Pedofilia, ex sacerdote arrestato a Foggia per abusi su 7 bambini: "Per loro era don Gianni"
22-06-2016 - Monte Bianco, scialpinista neozelandese muore travolto da una valanga
22-06-2016 - Furbetti del cartellino: 7 licenziati alla Asl di Avellino



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy