FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 Chiude il campionato...14
2 Il prof, l'alunno, l...9
3 Da Kandinsky a Pollo...7
4 Addio all'attrice An...7
5 Il Far East Festival...7
6 G8, Cassazione: "A B...7
7 "Eravamo bambini", i...6
8 Gli Agnelli aprono u...5
9 Cremona, spacciavano...5
10 Traffico in tempo re...5
11 Addio all'attrice An...5
12 Concerti, verso la f...5
13 "Eravamo bambini", i...5
14 "Da Vinci's Demon", ...5
15 "Piuttosto che", pri...5
16 Ogm, Ue si spacca e ...4
17 Sci, Cdm: libera di ...4
18 "Elissi", quando il ...4
19 Prato, incendio in u...4
20 Ordigno di Firenze, ...4
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 14 ottobre 2009 ore 15:52 - Visite 356
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"

Un'azienda utilizza il brano per pubblicizzare calze e collant
Il viceministro del Lavoro: "Piuttosto bisognerebbe fare pubblicità all'Inno"
L'Inno di Mameli usato in uno spot "Sorelle d'Italia? Non si fa"
Il presidente della Provincia di Savona: "Ritirate subito lo spot"
Gasparri: "Non si mescolano le ragioni del commercio con quelle della nazione"
di GIUSI SPICA


ROMA - L'Inno di Mameli utilizzato come colonna sonora dello spot pubblicitario di una nota azienda che produce calze e collant. Cantato da una voce femminile, che esalta lo spirito da "sorelle d'Italia". Ed è subito polemica. Il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli, dice che piuttosto sarebbe meglio "fare pubblicità all'Inno". Più duro il presidente della Provincia di Savona, Angelo Vaccarezza: "E' una vergogna". E il coordinatore del Pdl milanese, Romano La Russa, invoca l'intervento dell'Authorithy per le Telecomunicazioni.

Lo spot. Si chiama "Sorelle d'Italia" la colonna sonora del nuovo spot di Calzedonia. La pubblicità sotto accusa, realizzata da Saatchi&Saatchi e diretta dal regista Luca Lucini, si apre con un risveglio sulla campagna romana e finisce con un suggestivo tramonto sui tetti della capitale. Nel video scorrono le immagini di donne che, avvolte in calze e collant, si abbandonano a momenti di svago o relax. Alla fine, una dedica: "A Italia, Vittoria, Laura e tutte le altre".

L'azienda si difende. In una nota, si spiega che non c'è alcun intento satirico: "Lo spot rappresenta un omaggio che Calzedonia dedica a tutte le donne attraverso un'inedita interpretazione al femminile dell'Inno - si legge nel comunicato - dove i termini Italia e Vittoria vengono fatti rivivere per la prima volta con il significato di nomi di donna. Un messaggio forte che fa appello alle infinite risorse delle donne".

Il precedente. La trovata pubblicitaria del noto brand non rappresenta l'unico esempio di un utilizzo più o meno "improprio" dell'Inno. Già l'attore milanese Paolo Rossi, durante uno spettacolo teatrale, aveva utilizzato le parole di Fratelli d'Italia, ma sulle note di Sapore di sale, per fare la parodia dell'Italietta.

Le reazioni. Dopo la messa in onda, subito sono scattate le polemiche. "Più che usare l'inno nazionale distorto per fare pubblicità, bisognerebbe fare pubblicità all'inno nazionale", dice il sottosegretario al Lavoro, Pasquale Viespoli. Più duro il commento Angelo Vaccarezza, presidente della Provincia di Savona e fervido sostenitore dell'importanza dei simboli nazionali: "Con il canto degli italiani non si gioca. E non si può nemmeno metterlo sotto i piedi. Sentirlo in un spot di calze da donna è una vergogna. Chiedo all'azienda di toglierlo". Sull'argomento è intervenuto anche Maurizio Gasparri, capogruppo del Pdl al Senato: "Bisognerebbe evitare di mescolare
il commercio con l'Inno d'Italia, che va sempre rispettato".

Crosetto: "Uno spot bellissimo". Al fronte degli indignati risponde Guido Crosetto, sottosegretario alla Difesa: "Lo spot con l'Inno di Mameli? Bellissimo". Sorpreso per la reazione dei compagni di partito, commenta: "Ci sono altre cose per cui indignarsi, non certo per l'intelligenza e la fantasia".

Il giurista: "E' assolutamente legittimo". Sotto il profilo giuridico, lo spot è assolutamente legittimo. "Non c'è alcuna legge che vieti di utilizzare l'inno di Mameli a scopi diversi da quelli celebrativi, né si profila violazione del diritto d'autore", spiega Guido Scorza, avvocato specializzato in copyright. Più di una volta in Parlamento sono sbarcati disegni di legge sul cerimoniale per l'esecuzione dell'inno nazionale, mai andati in porto. L'ultima proposta, in ordine di tempo, è del 22 maggio 2008, ma non è ancora iniziato l'esame. In assenza di una regolamentazione, resta comunque la querelle sull'opportunità dell'utililizzo per scopi commerciali. Secondo Scorza, "non c'è volontà vilipendiosa o satirica. E' solo un colpo di teatro pubblicitario. L'inno ne esce assolutamente bene".

Il dibattito sul web. Divisa anche la piazza virtuale. Il dibattito impazza infatti sui forum dei siti commerciali. Tra i tanti commenti di disapprovazione, emergono anche voci discordanti, che nello spot non ravvisano nulla di offensivo.


Origine: Repubblica

20-02-2017 - Pietrogrado, quel febbraio 1917 di rabbia e fuoco: e la rivolta diventò rivoluzione
20-02-2017 - Migranti, garante sequestrata nella comunità minori a Bari: la Procura apre un'inchiesta. "Una polveriera"
20-02-2017 - Delitto Cogne, Franzoni deve risarcire l'avvocato Taormina con 275mila euro
20-02-2017 - Stadio gratis in cambio di favori: rischia il processo Alberto Mambelli, capo della Lega dilettanti
20-02-2017 - La Cassazione: "Rubare è sempre reato, anche quando si ha fame". Il caso a Torino
20-02-2017 - Camorra: il tribunale minori di Napoli toglie i figli ai boss
20-02-2017 - La stagione di Tangentopoli: 25 anni dopo, la lezione di Mani pulite
20-02-2017 - Gressoney, quattro scalatori italiani morti per il crollo di una cascata di ghiaccio
17-02-2017 - Mani Pulite, 25 anni dopo: i numeri, le date, i protagonisti
17-02-2017 - Nove liceali su 10 vanno all'università. Stage in azienda e all'estero decisivi per trovare lavoro
17-02-2017 - Terremoto in Centro Italia, rapporto alla Ue: danni per oltre 23 miliardi
17-02-2017 - Migranti, garante per l'infanzia: "A Bari sequestrata e minacciata in una comunità per minori"
16-02-2017 - Ariccia, crolla palazzina dopo fuga di gas: due feriti estratti dalle macerie
16-02-2017 - Suicida per video hard, i carabinieri sbloccano il telefonino di Tiziana
16-02-2017 - I dieci grammi del ragazzo di Lavagna e i miliardi della mafia
15-02-2017 - Armi a Iran e Libia: indagini su un incontro tra il grillino Tofalo e l'ex premier islamista Ghwell
15-02-2017 - Roma, ragazza di 17 anni precipita da palazzo al Nomentano: gravissima
15-02-2017 - Fiumi di cocaina nella ?Palermo bene?. Blitz della polizia, arrestati cinque spacciatori
15-02-2017 - Perugia, scatta allarme incubatrice, infermiera arriva in ritardo: licenziata in tronco "per gravità"
14-02-2017 - Si getta dall'auto in corsa del padre, ragazza di 17 anni travolta e uccisa nel Milanese
14-02-2017 - Tangenti Expo, la Corte dei Conti di Milano chiede i danni all'ex manager: "Paghi un milione di euro"
14-02-2017 - Parma, precipita dal tetto di un magazzino: muore operaio
14-02-2017 - Migranti, sindaco Pd chiude strada per impedire nuovi arrivi. Poi l'accordo con la Prefettura
14-02-2017 - Valanga a Tignes in Alta Savoia: travolti 4 sciatori, tutti morti, salvo un quinto che aveva appena lasciato la comitiva
13-02-2017 - Milano, studentessa 15enne picchiata e violentata in treno: "Contatti social con uno degli aggressori"
13-02-2017 - Alessandria, sacerdote di 78 anni massacrato di botte in parrocchia per un prestito negato
13-02-2017 - Lecce, tangenti per velocizzare le pratiche: sospeso il direttore della conservatoria
13-02-2017 - Trapani, l?olio Dop del boss Messina Denaro. Sigilli a 4 aziende, confiscati beni per 13 milioni
12-02-2017 - Bologna, altri incidenti tra studenti e polizia
12-02-2017 - Nel paese delle mamme felici: "Qui viene voglia di fare figli"



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy