FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 Il cambiamento clima...12
2 Al Mia il rapporto f...12
3 L?Afghanistan ripart...11
4 Razzismo a Sondrio: ...11
5 Vertice Ue, Conte so...11
6 Club di Roma: "Entro...10
7 Città più pulite con...9
8 Trump: Khashoggi mor...9
9 Mimmo Lucano da Riac...9
10 Brescia, il Fisco ch...9
11 Matera, il sindaco r...8
12 Senato, primo sì all...8
13 I 30 anni di Repubbl...8
14 Renzi alla Leopolda ...8
15 Valle d'Aosta come l...8
16 Uber debutta sul mer...8
17 Il caso Igor alla Co...8
18 Russiagate, pronto i...8
19 "Vi racconto il volt...8
20 Alessandra Mussolini...8
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE



   Notizia del 07 gennaio 2018 ore 22:47 - Visite 232
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Ue, la ripresa non maschera i problemi di fondo: mancano investimenti e campioni del futuro

Tra le dieci aziende che valgono di più non ce ne sono del Vecchio continente. Gli investimenti sono al palo. E il Vecchio continente snobba quelli in beni...


Lenta e farraginosa, la ripresa europea c'è. E questo rischia di oscurare i problemi di fondo. Il mondo che si risveglia da una crisi lunga dieci anni non è infatti lo stesso del 2008. L'Europa - a partire dalla sua locomotiva tedesca - sembra però l'unica a non essersene accorta. Tre indizi non fanno una prova, ma sono un buon motivo per riflettere.

Il primo indizio viene dalla Borsa, che consente di misurare le grandi aziende di successo. Nel 2007, fra le dieci aziende che valevano di più sui mercati finanziari, tre erano europee, una cinese, tutte aziende petrolifere. Nel 2017, di cinese ce n'è una (Alibaba), di europee nessuna. Decisivo il fatto che le prime sei sono aziende del mondo digitale (Apple, Google, Microsoft, Amazon, Facebook, Alibaba). I cinesi ne hanno infilata una (Alibaba appunto, la loro Amazon), noi siamo scivolati indietro, incollati a Big Oil.

Questo dato genetico sta dietro al secondo indizio: gli investimenti in intangibili. Se i tangibili sono i beni concreti, da toccare con mano, gli intangibili sono il sale dell'economia moderna, quelli che consentono ai paesi avanzati di tenere ancora a distanza i paesi emergenti. Non si tratta solo di digitale. Gli intangibili sono: ricerca e sviluppo, software, dati, design, marketing. Negli Usa, gli investimenti in intangibili hanno superato quelli tradizionali già dal 1997. In Gran Bretagna, il sorpasso è avvenuto nel 2000: nel 2014, gli investimenti netti nei settori più moderni e impalpabili assorbivano una

quota dello stock di capitale produttivo pari all'11 per cento, contro il 14 per cento  degli Usa. E l'Europa? Qui, il sorpasso non è mai avvenuto. E, dagli anni '90, le iniziative in ricerca e sviluppo, software, dati, design e marketing sono cresciute solo dal 9 al 10 per cento del Pil continentale. L'unico paese che sembra reggere il ritmo dei paesi anglosassoni è la Svezia. In Francia, facendo una media del periodo 1999-2013 i due spezzoni di investimenti, anno per anno, si equivalgono. Ma in Italia, gli investimenti in intangibili - nella media 1999-2013 - sono il 7,5 per cento del Pil, in Germania, l'8 per cento: la metà degli investimenti tradizionali.

In realtà, il quadro è reso meno leggibile dal fatto che complessivamente gli investimenti si sono fermati, negli ultimi anni. Il terzo indizio ci dice, però, che la stasi degli investimenti è molto più severa e punitiva in Europa di quanto avvenga nei paesi anglosassoni, più attenti agli intangibili. Nel 2007, gli investimenti netti erano pari al 3 per cento dello stock di capitale produttivo negli Usa, al 4 per cento in Gran Bretagna. In Francia, questo rinnovamento del capitale era pari solo al 2,3 per cento ed era ancora più lento in Italia (2 per cento) e in Germania (1,5 per cento). Poi, il crollo, un po' dovunque. Mentre, però, il tasso di investimenti netti (quelli in più, rispetto al mantenimento puro e semplice di quanto si ha già) è rimasto almeno largamente positivo nei paesi più attenti agli intangibili (1,3 per cento dello stock di capitale in Francia, 2 per cento in Gran Bretagna, 1,2 per cento negli Usa), il rubinetto si è chiuso nei paesi più legati alle produzioni tradizionali: solo 0,4 per cento in Germania, addirittura meno 0,6 per cento in Italia.

C'è un pezzo di futuro in ballo in queste cifre. Anche perché il segnale di pericolo che viene dalla contrapposizione tangibili-intangibili non è l'unico. Anche in materia di tangibili, l'Europa deve rincorrere. Come già raccontato dall'Eurobarometro (23 settembre 2017), l'Europa non è leader mondiale  in nessuno dei settori manifatturieri che la stessa Ue ritiene cruciali per il futuro: microelettronica, nanotecnologie, biotecnologie, fotonica, materiali avanzati. Anche in ognuno di questi campi sono più avanti - a colpi di brevetti - Usa o Giappone.



Origine: Repubblica

19-10-2018 - Ebay denuncia Amazon: "Ci ruba i venditori migliori"
19-10-2018 - Bertarelli torna alle origini: scommette mezzo miliardo sui farmaci contro l'Alzheimer
19-10-2018 - Condono a maglie sempre più larghe, colpo di spugna anche sul riciclaggio
19-10-2018 - Lo spread supera i 340 e poi chiude in forte calo. Piazza Affari debole
19-10-2018 - Comuni, Anci: "Accordo con il governo: salvi 1,6 miliardi per le periferie"
19-10-2018 - Uber debutta sul mercato obbligazionario: raccolti 2 miliardi
19-10-2018 - Lo spread ai massimi da cinque anni, chiude a 326. Milano perde l'1,9%
18-10-2018 - Facebook, i fondi chiedono la rimozione di Zuckerberg
18-10-2018 - Le economie più competitive: l'Italia 31esima, stecca tra le "grandi"
18-10-2018 - Inps, ad agosto boom delle domande di disoccupazione
18-10-2018 - Cellulari Android, più ricco il kit delle app pre-installate. Cade il dominio di Google
18-10-2018 - Ecobonus prorogato, confermate per tutto il 2019 le detrazioni per ristrutturare casa e acquistare mobili
18-10-2018 - Boeri: "Dagli interventi sulle pensioni un costo da 140 miliardi in dieci anni"
18-10-2018 - Manovra 2019, Oettinger: "La Ue rigetterà il bilancio italiano"
17-10-2018 - Sears è l'ultima vittima di Amazon: viaggia verso il fallimento
17-10-2018 - Manovra 2019 a Bruxelles. Quota 100, quattro finestre per accedere. Reddito di cittadinanza a residenti in Italia da 5 anni
17-10-2018 - Sei milioni per la start up dei fiori a domicilio
17-10-2018 - Il commercio online vale più di 27 miliardi, ma l'Italia è ancora in ritardo
16-10-2018 - Investimenti nel mattone, gli stranieri hanno due terzi del mercato italiano
16-10-2018 - Ecco la bozza del codice della crisi di impresa: via la parola "fallimento"
16-10-2018 - Bolletta da 16 mila euro in una casa disabitata. Pensionato risarcito
16-10-2018 - Manovra 2019, c'è l'accordo sulla pace fiscale. Da febbraio quota 100 e via al reddito di cittadinanza
16-10-2018 - Giuseppe Conte: "Reddito di cittadinanza su base geografica"
15-10-2018 - Daniela Idi, la donna che trasforma smartphone e Pc in beni di lusso
15-10-2018 - Alitalia, Fs presenta la manifestazione di interesse. Tria frena: "Parlo io di ciò che fa il Tesoro"
15-10-2018 - Italia e Spagna, due Manovre agli antipodi. Ecco perché mercati e osservatori premiano la visione di socialisti e Podemos
14-10-2018 - Farmaci, lo scontro sui vaccini pesa sulla reputazione delle imprese
14-10-2018 - Dall'industria del riciclo l'1% del Pil, ma l'Italia può crescere ancora molto
13-10-2018 - Manovra, Fmi: "Va in direzione opposta a nostri suggerimenti". Juncker: "Italia non mantiene parola data"
13-10-2018 - L'annuncio di Msc: via la plastica dalle navi da crociera



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 









Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy