FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Shopping    >> FORUM <<  


1 G8, Cassazione: "A B...59
2 Basta aperture no-st...46
3 Grecia, ucciso un ti...23
4 Protesta contro le a...22
5 Link di Amazon sul W...21
6 Un film sulla solitu...20
7 Inter-Cagliari 0-1 ...20
8 Ebola, il Papa: "Non...19
9 Ilva, via libera dal...18
10 Garlasco, il legale ...17
11 La lettura? Un eserc...17
12 Confcommercio: bonus...15
13 Il ragazzo con la pi...14
14 Nuovo anno al via se...14
15 Renzi sprona l'Itali...13
16 "Figli del jihad": i...13
17 Bankitalia, i rispar...12
18 Stimolazioni elettri...11
19 Tempi della giustizi...11
20 Contro la crudeltà d...11
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 25 febbraio 2012 ore 13:45 - Visite 26
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


"I partiti devono rinnovarsi altrimenti non c'è democrazia"



di GOFFREDO DE MARCHIS
ROMA - Il professor Gustavo Zagrebelsky, presidente emerito della Corte Costituzionale, firma, a nome di tutta l'associazione Libertà e Giustizia, il primo manifesto del dopo-Berlusconi. Un modo per celebrare i dieci anni di vita di L&g e "per progettare l'avvenire".

Nel suo documento, professore, lei sembra non accodarsi alla Monti-mania. Perché?
"Perché l'atteggiamento acritico è in ogni caso, Monti e non Monti, non consono alla democrazia che è un regime per definizione critico, dove tutti pensano con la propria testa ed è escluso il culto della personalità. Tempo fa in un librettino, trattando del processo di Gesù - uno scandalo della democrazia - si è contrapposta la democrazia dogmatica e la democrazia populista alla democrazia critica. Quest'ultima è la versione liberale della democrazia. Quindi, con tutto il rispetto per le fatiche del governo tecnico e con la speranza che si ripone nell'operazione Monti, la rinuncia alla politica, alla lunga, mi pare un pericolo".

Siamo alla democrazia sospesa?
"Il governo tecnico di Mario Monti è probabilmente il meglio che il tempo presente ci può offrire. Ma occorre riportare in onore la politica. Certo, i partiti attuali offrono un pessimo spettacolo. L'esecutivo deve fronteggiare altri interlocutori: lobby, associazioni, sindacati. Le forze politiche sono ridotte al mugugno o al mugolio. La ripresa
della democrazia e della politica però ha bisogno di partiti rinnovati. Sono l'unico strumento che conosciamo per unificare la società e tenerla insieme".

Sbaglia allora chi a destra e a sinistra invoca Monti a Palazzo Chigi anche dopo le elezioni del 2013?
"Assistiamo a due fenomeni contemporaneamente. Da una parte al tentativo di impadronirsi del fenomeno Monti; dall'altra al desiderio di nascondere dietro ai tecnici la propria impotenza politica. Ma questo è un problema. In generale, siamo di fronte ad eventi che devono farci riflettere. Le istituzioni europee, mesi fa, hanno imposto alla Grecia di non fare un referendum e ora sembra che vogliano imporre a quel paese di non votare ad aprile. In Italia sento ipotesi di rinvio delle elezioni amministrative. E nessuno osa dire che a qualcuno piacerebbe rinviare pure le politiche del 2013. Siamo tutti impazziti?".

Vede per noi un rischio Grecia non solo economico ma anche democratico?
"Non vedo, ma temo. Consideriamo che l'articolo 11 della Costituzione, su cui si basa la nostra adesione alla Ue, consente rinunce alla nostra sovranità solo in condizioni di parità con gli altri Stati e solo a favore di istituzioni sovranazionali che operino per la giustizia tra le nazioni, non per favorire le operazioni di investitori - spesso speculatori - che operano sui mercati finanziari. Limitazioni della sovranità sì ma non a occhi chiusi. L'arduo doppio compito del governo è salvarci dalla bancarotta e salvare la sovranità nazionale. Per questa seconda parte la tecnica non basta: occorre la politica".

Perché LeG non vuole che questo Parlamento faccia le riforme costituzionali? La riduzione del numero dei parlamentari come si realizza?
"Prima si deve andare a votare, poi si mette mano alle riforme istituzionali con un Parlamento nuovo. Quella per la riduzione del numero dei parlamentari è una battaglia giusta ma tutto sommato marginale. Come si diceva una volta? I problemi sono ben altri. Aggiungo: la revisione della Costituzione, quando è autoriforma della politica, risulta molto difficile. Un antico testo anonimo firmato "il vecchio oligarca" - "La costituzione degli ateniesi" - sosteneva che la democrazia degenera senza avere le energie per autoriformarsi. È come il barone di Munchausen che cade nelle sabbie mobili e vuole tirarsi fuori aggrappandosi ai codini della parrucca. Tragicamente quel testo dice che alla fine la democrazia può solo essere abbattuta. Ho ritegno a dirlo. Allora diciamo così: la sfida della nostra classe politica è dimostrare che il vecchio oligarca aveva torto".

E il Porcellum con quale formula va spazzato via?
"Esistono tante idee di giustizia elettorale, come la chiamo io. È giusto il proporzionale, lo è il sistema uninominale dove si elegge il migliore, lo è anche il maggioritario che premia il più forte per permettergli di governare. Sono tutti sistemi che hanno una logica chiara. L'elettore sa come viene usato il suo voto. L'unica cosa che i partiti non dovrebbero fare sono i pasticci cioè mescolare sistemi eterogenei solo per soddisfare il loro interesse".

Voi proponete di sottoporre comunque a referendum eventuali riforme istituzionali. Anche se il Parlamento le approva con la maggioranza di due terzi. Ma è contro la Costituzione.

"La nostra richiesta nasce in un contesto di democrazia rappresentativa debole e delegittimata. All'assemblea costituente si disse: se c'è una maggioranza tanto ampia non c'è bisogno di interpellare i cittadini. Ma la premessa qual era? Che quei partiti rappresentassero davvero il popolo italiano. Oggi viviamo una crisi della rappresentanza. Quel presupposto è diventato fragile. Sarebbe buona cosa avere comunque un voto popolare. Che o tolga di mezzo la riforma o la legittimi in maniera solenne".

Come se la caverà Libertà e giustizia senza Berlusconi?
"Possiamo riempire due armadi con l'attività svolta in dieci anni. L'armadio di Berlusconi resta aperto per quel che si dice essere il "berlusconismo", qualcosa di più pervasivo del suo fondatore. Ci sono decine di leggi ad personam che andrebbero riviste. E non solo: la condanna della Corte di Strasburgo per la politica anti-immigrati non dice niente? Il secondo armadio è il futuro della politica. Ci dicono: cosa proponete oltre a manifestare esigenze e bisogni? Ma, diciamo noi, la risposta tocca alla classe dirigente proporre, è lì per questo. Noi manifestiamo esigenze. Una proposta che ci pare fondamentale, però l'abbiamo: la politica si apra alla società civile. Che non è il salotto buono, ma sono cittadini di ogni età, ceto sociale, professione che dedicano tempo, competenza, denaro ad attività d'interesse pubblico per pura dedizione al bene comune. Abbiamo bisogno di altre facce, d'altre energie, d'altri carismi. Soprattutto, di parole nuove. Non vede che quelle di oggi sono solo ripetizioni?"

Origine: Repubblica

30-09-2014 - Censis: il mercato dei falsi vale 6,5 miliardi e 105mila occupati
30-09-2014 - Un film sulla solitudine che parla a tutti noi
30-09-2014 - "Se ho paura prendimi per mano", il lato umano di un tracollo finanziario raccontato da Carla Vistarini
30-09-2014 - Il ragazzo con la pistola
30-09-2014 - Iran, rischia l'impiccagione una ragazza di 26 anni: uccise il marito che tentò di stuprarla
30-09-2014 - Sabir, attivisti delle due rive del Mediterraneo a Lampedusa per ricordare anche il 3 ottobre 2013
30-09-2014 - Politici, agenti e un uomo della Dia: così funzionava la rete della 'ndrangheta al Nord
30-09-2014 - Si è inventato tutto il padre che ha denunciato il tentato sequestro del figlio a Borgaro Torinese
30-09-2014 - Giovani, disoccupazione record al 44,2%. Il tasso complessivo migliora al 12,3%.
30-09-2014 - Stimolazioni elettriche, e il topo paralizzato cammina. Verso i test sull'uomo
29-09-2014 - Zerocalcare, lo street fighting man della matita
29-09-2014 - L'Ugl nel caos: si dimette anche Mancini, eletto segretario due mesi fa
29-09-2014 - Tagli alla ricerca, l'Università si ribella
29-09-2014 - L'Ue pensa a un sussidio comune per i disoccupati
28-09-2014 - Smartphone e tablet connessi anche in aereo: ok dall'Easa
28-09-2014 - Frosinone, anziana aggredita da un cane. Rischia di perdere un braccio
28-09-2014 - Regionali, Prodi in ospedale, non voterà alle primarie
27-09-2014 - Cinema America, Sorrentino: "Deve riaprire o rinuncio alla cittadinanza onoraria di Roma"
27-09-2014 - Talk politici in crisi, se ne discute in un talk
27-09-2014 - I diversi razzismi in tv di Usa e Italia
27-09-2014 - Copyright, il Tar del Lazio boccia l'Agcom. "Sospetto di inconstituzionalità"
27-09-2014 - Test Medicina, caos immatricolazioni: "Ci spediscono fuori sede, chiederemo i danni"
26-09-2014 - Femminismo sul campo da football
26-09-2014 - Sanità, spending review: al Sant'Orsola le radiografie si fanno col succo di ananas
26-09-2014 - Sophia Loren quota 80, vita e carriera nelle immagini del Luce
26-09-2014 - Fiat, accordo per la cassa a Mirafiori, ma la Fiom strappa il verbale davanti all'assessore
26-09-2014 - Crisi della lirica, anche a Parma niente soldi: Verdi sempre meno profeta in patria
26-09-2014 - Teatro dell'Opera, la sfida di Marino: "Ora una donna sul podio di Muti"
26-09-2014 - Università, il 39% dei corsi è a numero chiuso
26-09-2014 - Gli investigatori non hanno dubbi: "L'autocarro davanti a casa di Yara era di Bossetti"



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy