FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Shopping    >> FORUM <<  


1 G8, Cassazione: "A B...53
2 25 anni si impicca i...37
3 La mina dei mancati ...22
4 Juve ko col Genoa, l...15
5 Omicidio a Tolentino...13
6 L'iPhone affonda Sam...12
7 Grande Gatsby, guerr...12
8 Sciopero generale la...11
9 Halloween, ecco le a...11
10 Il capo dei pm sment...11
11 Renzi incontra i lav...11
12 Zanetti, alert sulla...11
13 Burkina Faso, è golp...10
14 Le mamme, guerriere ...10
15 Tra governo e Cgil c...9
16 Lazio, arrestato per...9
17 Benedict Cumberbatch...9
18 "Noi, in pole per ba...9
19 Divario di genere, l...9
20 Con l'abito giusto s...8
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 25 febbraio 2012 ore 13:45 - Visite 28
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Jessica Lange: "Perché mi piace fotografare il mondo"



Jessica Lange: IL PRETESTO per l'incontro con Jessica Lange (si pronuncia "lein") è il lancio della nuova serie della rete via cavo FX American Horror Story, grazie alla quale ha da poco vinto un Golden Globe come miglior attrice non protagonista. Ma la conversazione devia presto su ben altro: la fotografia, il suo grande hobby, la sua passione. Non tutti sanno che la Lange è un'esperta fotografa, con varie mostre in curriculum durante la sua lunga carriera cinematografica.

Una carriera iniziata nel 1976 col King Kong prodotto da Dino De Laurentiis, a cui si deve la scoperta della futura diva, poi premio Oscar come migliore attrice nel 1994 per Blue Sky. E, oltre alle mostre, un libro recente, 50 Photographs di Jessica Lange, con un'introduzione di Patti Smith in cui si legge: "Come attrice è stata illuminata dalla stessa luce da cui è attratta". Le foto della Lange hanno una forza speciale: sono immagini per lo più sgranate e in bianco e nero, scattate con una Leica M6, la sua "arma" preferita. Mai un flash o luci artificiali, angoli di ripresa stranissimi a proiettare un'inquietante atmosfera di mistero. Molte vanno lette in chiave intimista (una coppia che danza, un padre che gioca con la figlioletta, vari ritratti del suo compagno, l'attore-scrittore Sam Shepard), storie private che diventano pubbliche. Di certo Jessica Lange, abituata ad essere guardata, sa guardare il mondo: "Senza dubbio la nozione di essere osservata, intrinseca al mestiere di attore, è ribaltata attraverso la fotografia" riflette
l'attrice. "Il fotografo ha la sua macchina messa tra sé e il suo soggetto. Mi affascina la possibilità di essere anonimi che viene garantita dalla fotografia. Non sei mai certo di chi c'è dietro l'obiettivo. Non sai di chi sia l'occhio che guarda. Ed è una domanda che non dovrebbe mai trovare risposta".

La Lange ha scoperto la passione per la fotografia ai tempi dell'università: "Feci un corso di fotografia alla University of Minnesota nel 1969, e me ne innamorai subito" ricorda. "Ero convinta che la fotografia sarebbe stata il mio destino. Invece venni assunta come modella, ebbi successo, poi iniziai quasi per caso a recitare. Da allora non ho più pensato alla fotografia come lavoro. Sono un'attrice e basta, non ho altre pretese. Alla fotografia non mi sono più dedicata, fino a quando, una ventina d'anni fa, Sam tornò a casa con una Leica in regalo. Una nuova illuminazione". Da quel momento ha ripreso subito a scattare: "All'inizio facevo foto dei miei figli, di Sam, della nostra casa nella campagna del Minnesota, vicino al luogo dove ero nata, poi nella nostra nuova fattoria in Virginia, dove stiamo quando non siamo a New York. Finita la pellicola mi chiudevo nella camera oscura, di notte, dopo aver messo i bambini a letto, mettevo un album di Al Green o Sam Cooke e sviluppavo le foto. Sono diventata brava. Mi piace moltissimo farlo anche adesso, nell'era digitale: le stampe e gli ingrandimenti per le mostre me li faccio da sola".

È in occasione di una delle sue mostre, nella Rose Gallery di Santa Monica lo scorso anno, che è stato presentato per la prima volta il libro 50 Photographs, "una sorta di cronaca di 15 anni passati a fotografare i posti dove andavo, dal Nord America all'Africa all'Europa. Sono per lo più foto in bianco e nero di luoghi come il Messico e la Romania. Di nuovo, una sorta di diario di viaggio. Sono rimasta affascinata da un piccolo cimitero con le sue lapidi, da una spiaggia nell'ora del crepuscolo. Ma ci sono anche ritratti rubati, di gente qualunque. Ho cercato di dare ad ogni immagine un'atmosfera particolare, un umore via via differente".

Per Jessica Lange la fotografia è una sorta di custode della memoria: "Ho registrato, tra foto e video, la vita della mia famiglia, coi bambini che crescono e Sam. Non ho mai buttato niente, tengo tutto. L'anno scorso ho montato un filmino contenente immagini e foto degli ultimi 25 anni della mia famiglia. Ho anche fatto un magazzino con i miei archivi. È il "deposito" della mia vita. Lì c'è tutto: da ogni singola foto alle mie sculture, a ogni piccolo disegno, mio e soprattutto dei miei figli. Ho conservato perfino i loro dentini da latte, e le foto scattate sia dei denti caduti che di loro sdentati". Un feticismo totale, che la fotografia permette di collezionare con cura. Tanti sono stati i fotografi che l'hanno ispirata, ma una in particolare: "Ho una grande ammirazione per Tina Modotti. Anche lei era modella e attrice, oltre che fotografa. Amo moltissimo i suoi ritratti di persone, famose o meno, e le cronache fotografiche della sua vita tra l'Italia, il Messico, Londra e Parigi. Ma ovviamente sarebbe assurdo, nel mio caso di "dilettante", avere dei modelli. Quando fotografo sono il mio istinto e la mia Leica che comandano".

Origine: Repubblica

31-10-2014 - Dai Macchiaioli a De Chirico. Va in scena l'altro Palazzo Pitti
31-10-2014 - La Costituzione è donna
31-10-2014 - Internet, il parlamento spagnolo dice sì alla Google Tax
31-10-2014 - Webnotte con Dario Argento, Benni e gli Spandau Ballet
31-10-2014 - Il capo dei pm smentisce Setola: "È ancora in carcere"
31-10-2014 - Reggio Calabria, ipotecata la casa dell'ex governatore Scopelliti
31-10-2014 - Insegnanti italiani sempre più poveri. Ma in Europa gli stipendi crescono
31-10-2014 - Milano, la scure di Pisapia sul Comune: 60 milioni. Allarme per i tagli del Pirellone ad Atm
31-10-2014 - "Partiti spa" sull?orlo del fallimento: senza fondi pubblici buco di 80 milioni
30-10-2014 - "Buona scuola", decine di migliaia di risposte. Ecco idee e proposte dei cittadini
30-10-2014 - Generazione youporn e la mostra scandalo
30-10-2014 - Le mamme, guerriere di una società multitasking
30-10-2014 - Divari: la rendita di 85 miliardari nel mondo equivale al reddito del 50% della popolazione del Pianeta
30-10-2014 - Benedict Cumberbatch sarà "Doctor Strange", il Mago Supremo della Marvel
30-10-2014 - Spazio, razzo diretto alla Iss esplode durante il lancio in Virginia
30-10-2014 - Gel-oil, il "laboratorio delle ragazze" ha messo l'olio d'oliva in bustina
30-10-2014 - Morì in un carcere francese, condannati medico e infermiera
29-10-2014 - Droga nei serbatoi dei tir, 39 arresti
29-10-2014 - "Lascio l'Atletico Cavallino", si dimette il presidente che ha offeso l'arbitro. Il prefetto chiede il Daspo
29-10-2014 - Comunica solo con gli occhi, si laurea in Matematica con 110 e lode
29-10-2014 - Non basta una pizza a difendere le donne
29-10-2014 - Università, parte primo concorso nazionale per Scuole specializzazione Medicina
29-10-2014 - Tenta di dar fuoco all'amministratore di condominio, arrestato
29-10-2014 - Inchiesta rating, Fitch e S&P a giudizio per il declassamento dell'Italia
28-10-2014 - A quattro anni va a comprare le patatine da sola. Condannato il padre
28-10-2014 - Il vicario di Cristo e la verità relativa che conduce a Dio
28-10-2014 - "Interstellar", il mistero dell'universo secondo Christopher Nolan
28-10-2014 - Arbitro 17enne aggredito finisce in ospedale, il presidente del club: 'Io lo avrei ammazzato'
28-10-2014 - Istat: cala l'uso del dialetto in casa, soprattutto tra le donne
28-10-2014 - Cambogia, dove i numeri sono angeli



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy