FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Shopping    >> FORUM <<  


1 Shell prova a tenere...85
2 La lista dei dispers...19
3 Lessico e nuvole >19
4 Carta Canta > I val...17
5 Balzo della fiducia ...16
6 Carta Canta > Ma ch...16
7 Tsipras chiede "temp...15
8 'Ndrangheta a Roma, ...15
9 Sette giorni a impat...15
10 I dubbi di Lynsey, m...12
11 Istat: retribuzioni ...12
12 Expo 2015, occasioni...12
13 Stabilità, dalle ent...12
14 Facebook alla conqui...12
15 Domani scioperano i ...9
16 Mercato immobiliare ...9
17 Imco-Sinergia, accor...9
18 Draghi ai banchieri:...8
19 La corsa al Rating d...8
20 Marchionne "feliciss...8
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 28 febbraio 2012 ore 10:54 - Visite 55
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Vendite al dettaglio, nel 2011 -1,3% È il dato peggiore dal 2009

L'Istat rileva che lo scorso anno le vendite degli alimentari sono rimaste ferme. A dicembre calo dell'1,1% su novembre: ribasso più significativo da luglio...


ROMA - Le vendite al dettaglio nel 2011 calano dell'1,3% (dato grezzo) rispetto al 2010, quando si erano mantenute, pur di poco, sopra lo zero (+0,2%). Lo rileva l'Istat spiegando che le vendite degli alimentari restano ferme e il non food scende dell'1,8%. Nel complesso si tratta del dato peggiore dal 2009.

Crollo delle vendite anche nello scorso mese di dicembre rispetto a novembre: il calo è stato dell'1,1%, il più marcato dal luglio 2004. Rispetto a dicembre 2010, l'indice grezzo del totale delle vendite ha segnato un -3,7%. Nel confronto con novembre 2011, l'Istat segnala una diminuzione delle vendite sia per i prodotti alimentari (-1%) sia per quelli non alimentari (-1,2%). Rispetto a dicembre 2010, l'indice grezzo segna una flessione dell'1,7% delle vendite di prodotti alimentari e del 4,4% di quelle di prodotti non alimentari. Le vendite per forma distributiva mostrano, nel confronto con il mese di dicembre 2010, riduzioni marcate sia per la grande distribuzione (-3,9%), sia per le imprese operanti su piccole superfici (-3,5%).

Nel mese di dicembre 2011, tra le imprese della grande distribuzione si rilevano diminuzioni tendenziali sia per gli esercizi non specializzati (-4,2%) sia per quelli specializzati (-1,9%). Nei primi, le vendite degli esercizi a prevalenza alimentare diminuiscono del 3%, quelle degli esercizi a prevalenza non alimentare scendono del 7,1%.

Tra gli esercizi non specializzati a prevalenza alimentare, aumentano le vendite per i discount (+1%), mentre diminuiscono sia quelle degli ipermercati,
sia quelle dei supermercati (rispettivamente -4,4% e -2%). Nella media del 2011, le vendite degli esercizi non specializzati diminuiscono, rispetto all'anno precedente, dell'1,2%, quelle degli esercizi specializzati aumentano dell'1,1%.

Per quanto riguarda il valore delle vendite di prodotti non alimentari a dicembre 2011 si registrano variazioni tendenziali negative in tutti i gruppi di prodotti. Le diminuzioni tendenziali di maggiore entità riguardano i gruppi elettrodomestici, radio, tv e registratori (-11,3%) e supporti magnetici, strumenti musicali (-7,8%). Il gruppo che mostra la flessione più contenuta (-1,6%) è quello dei prodotti di profumeria, cura della persona.

Origine: Repubblica

30-01-2015 - L'iPhone batte le nascite, ma le condizioni sono disumane di GIULIANO BALESTRERI
30-01-2015 - Le famiglie difendono il risparmio, tengono gli investimenti
30-01-2015 - Cresce la domanda di credito delle imprese
30-01-2015 - Tsipras, il supporto che non ti aspetti. Il governatore inglese sferza la Ue: "Basta austerity"
30-01-2015 - Deutsche Bank torna in utile nel quarto trimestre
30-01-2015 - S&P vicina a un patteggiamento miliardario per i mutui subprime
30-01-2015 - Confindustria: quest'anno basta recessione, ripresa oltre le attese
30-01-2015 - Shell prova a tenere botta al calo-petrolio: maxi piano di tagli da 15 miliardi
30-01-2015 - Fca: nel 2014 utile a 632 milioni, niente dividendo
30-01-2015 - Istat: retribuzioni del 2014 solo +1,3%, minimo dal 1982
30-01-2015 - Domani scioperano i bancari: manifestazioni a Milano, Roma, Ravenna e Palermo
30-01-2015 - Campari approva il voto maggiorato: i diritti di Garavoglia salgono al 67%
30-01-2015 - I conti Ikea volano, 200 milioni di bonus ai dipendenti
30-01-2015 - Finmeccanica alza le stime 2014 e indica i nuovi obiettivi: il mercato apprezza
30-01-2015 - Mercato immobiliare in ripresa nel terzo trimestre, boom mutui
30-01-2015 - La corsa al Rating delle imprese per ottenere credito
30-01-2015 - Expo 2015, occasioni di lavoro sulla rete
30-01-2015 - Balzo della fiducia di imprese e consumatori in Italia
30-01-2015 - McDonald's paga una crisi lunga due anni: via l'amministratore delegato
30-01-2015 - Draghi ai banchieri: "C'è crisi, piano coi dividendi". Faro sui bonus
30-01-2015 - Casa, il governo lancia una campagna sulle agevolazioni
29-01-2015 - Windows frena gli utili di Microsoft, volano le vendite di Xbox
29-01-2015 - Sindacati: "Via i licenziamenti collettivi dal Jobs Act"
29-01-2015 - Allarme Cgil: sono 9,41 mln i lavoratori in sofferenza e disagio occupazionale
29-01-2015 - L'Istituto di Tecnologia vince la battaglia: "Centro ricerche e non agenzia del brevetto"
29-01-2015 - Fed, tassi invariati. La crescita è solida
28-01-2015 - Mps, la preferita del Tesoro di ANDREA GRECO
28-01-2015 - Per Standard & Poor's il debito della Russia è "spazzatura"
28-01-2015 - Weidmann all'attacco del Qe: "Comporta rischi e svantaggi"
28-01-2015 - Assist dell'Ocse a Renzi, Gurria: "Ha una leadership ispirata"



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy