FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Shopping    >> FORUM <<  


1  Driver minacciati, ...6
2 Terremoto in Giappon...5
3 Genova, rissa fuori ...4
4 Usa: 12enne armeggia...4
5 Regionali, si vota i...4
6 Udinese, Guidolin: "...4
7 G8, Cassazione: "A B...4
8 Ecco la riforma dell...3
9 Milano, Brega Masson...3
10 Svizzera, cercasi tr...3
11 Papa: "Momento diffi...3
12 L'albergo folle di P...3
13 Milano, perde il bim...3
14 Vine, quei sei secon...3
15 Pisapia rimanda al m...2
16 Fed, tassi fermi e s...2
17 Il Partito del premi...2
18 Grillo espelle da M5...2
19 L'agricoltura si rin...2
20 Duello continuo Renz...2
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 24 febbraio 2012 ore 12:17 - Visite 131
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Celentano: "Rai vittima dei partiti" "Il Vaticano non sa cos'è il Paradiso"



Celentano: ROMA - "L'errore è nel meccanismo di conduzione della Rai. Finché i partiti continueranno a litigarsela, sarà preda di sotterfugi, intrighi e sospetti". Ed "è difficile non pensare che lo stesso dg non sia sottoposto a pressione dei partiti, non solo della destra ma anche della sinistra". Celentano torna in tv a pochi giorni da Sanremo. Sceglie Servizio Pubblico, un'intervista registrata. Titolo della puntata, "Celentano c'è?", fra gli ospiti Lucia Annunziata, Carlo Freccero, Maurizio Belpietro, Antonio Di Pietro, l'ex consigliere Rai Nino Rizzo Nervo. Replica alle critiche di viale Mazzini, "azienda preda di intrighi", al Vaticano, "non sa che cos'è il Paradiso", se la prende pure con Repubblica, "alcuni giornalisti ci hanno dato dentro mica male per bloccare la mia partecipazione, dicendo che sono un cretino, e neanche di talento". Ma "il cinque per cento di consensi di Grillo ci fa sperare". Il dibattito sul compenso? "Una colossale stronzata". E a Sanremo "ho cercato solo di parlare di felicità".

VIDEO "La Rai vittima dei partiti"

VIDEO Celentano a Sanremo 1 / 2

Il cantante parla per la prima volta dopo il caos-festival, le polemiche per il primo intervento nella serata di debutto, l'attacco alla stampa cattolica e poi l'ira della Chiesa e l'imbarazzo dei vertici Rai. Poi il ritorno sabato, serata finale, applausi e contestazioni e la reazione di Claudia Mori, sua moglie e portavoce, che al consigliere Rai Antonio Verro dice "grazie per la buffonata che avete organizzato". Intanto la questione tiene ancora banco in cda Rai. I consiglieri Van Straten, De Laurentiis e Bianchi Clerici criticano l'operato del direttore di RaiUno Mazza. Mentre il dg Lorenza Lei annuncia la convocazione del Comitato etico per valutare eventuali violazioni al codice da parte dell'artista all'Ariston.

Formigli, Celentano e la necessità della critica. Santoro apre la serata citando la "sentenza mostruosamente enorme" che ha condannato il giornalista Corrado Formigli e la Rai a pagare 5 milioni di euro per un servizio di Annozero sulla Fiat. Sentenza "che potrebbe stracciare la vita di un giornalista e tenere lontani molti colleghi dal toccare centri di potere, industrie importanti". Si rivolge a Marchionne, "la Fiat ha rischiato il fallimento perché gli operai lavoravano male o per il flop di modelli destinati al successo e presentati dalla stampa come vincenti? Questo prova che la critica è necessaria, sennò il Paese invecchierebbe, la Rai morirebbe subito, ecco perché ha bisogno di un pensiero diverso, di Celentano, di quelli con un talento, di lasciarli esprimere e correre il rischio, perché il prezzo del rischio è quello che si paga per la libertà, è il prezzo del servizio pubblico".

"La Rai vittima dei partiti e preda di intrighi". Il Molleggiato non desiste. Prende di mira viale Mazzini e replica alle accuse dei vertici, dovute secondo lui a "un errore proprio nel meccanismo di conduzione della Rai, finché i partiti continueranno a litigarsela sarà sempre preda di sotterfugi, intrighi e sospetti a danno del Paese". Quanto a Sanremo, sa che per lui ormai è off limits "ma non è un problema, il successo è bello e gratificante ma non ha niente a che vedere con la felicità che si prova in una partita a bocce con quattro amici". Però non si pente, "non cambierei una virgola di ciò che ho detto" e quanto agli attacchi alle testate cattoliche "ho messo in evidenza ciò che è inutile per la Chiesa. Per me rimangono inutili fino a quando sia Famiglia Cristiana che Avvenire non cambiano la loro linea editoriale". E se "Grillo con il suo 5% di consensi ci fa sperare", "qualcosa mi dice che il cambiamento è nell'aria e che il vento sta diventando una tempesta: alle prossime elezioni potrebbero esserci delle sorprese, la gente sta cominciando a capire che non si va da nessuna parte se non prendiamo con forza e determinazione la via dell'onestà".

Annunziata: "Lo avrei difeso anche se avesse detto che i gay sono da campo di sterminio". E se, in studio, Rizzo Nervo ribadisce che "Celentano la Rai non lo voleva, non lo ha deciso, lo hanno deciso Morandi e Mazzi a dicembre senza neanche chiedere all'azienda che ne pensasse", situazione a suo giudizio frutto della decadenza dell'azienda, incapacità di uomini e donne che la governano ancor più grave perché corrotta dalla politica", l'ex presidente di viale Mazzini, Lucia Annunziata, scagiona in parte la Rai, "una grande azienda, non penso che sia da buttare né che sia ingovernabile", si dice in disaccordo con Celentano su molte cose, come le critiche a Famiglia Cristiana e Avvenire, però poi scivola sulle parole e dice che lei lo avrebbe difeso "anche se avesse detto che i gay sono da mandare al campo di sterminio". E a Santoro che la riprende, risponde "sto estremizzando".

Cda Rai, critiche a Mazza. Una settimana di passione, quella del Molleggiato a Sanremo. Fortissimamente voluto dall'ex direttore artistico del festival Giammarco Mazzi (ha lasciato a fine festival dopo sette anni alla guida), avallato dal direttore di RaiUno, Mazza. Le cui ripercussioni si fanno ancora sentire a viale Mazzini. Di questo si è parlato nel consiglio d'amministrazione Rai, in giornata. Con tre consiglieri, Giorgio van Straten, Rodolfo De Laurentiis e Giovanna Bianchi Clerici - e le perplessità del presidente Garimberti - a chiedere la testa di Mazza, sostenuto solo da Guglielmo Rositani che a sua difesa ha invocato i buoni risultati d'ascolto del festival (laddove la Lei, nella lettera-monito diffusa prima della seconda esibizione del Molleggiato, aveva scritto a chiare lettere che l'audience non può essere unico criterio di valutazione).

E Lei annuncia la convocazione del Comitato etico. Su richiesta dei consiglieri, la questione dovrebbe tornare sul tavolo la prossima settimana e lì Lei potrebbe esprimere più chiaramente la propria posizione su Mazza. Il pressing per la sua sostituzione, da parte di più d'un consigliere, è evidente ma è difficile che un vertice in scadenza possa pensare a questa soluzione. La Lei avrebbe criticato la gestione Mazzi, spiegando che la presenza di Celentano all'Ariston sarebbe stata subìta dalla direzione generale, che avrebbe appreso della sua partecipazione a cose fatte. E avrebbe annunciato la convocazione del Comitato etico per valutare eventuali violazioni del codice da parte dell'artista; nessun dettaglio su tempi e possibili sanzioni.

Origine: Repubblica

24-11-2014 - Pillola dei 5 giorni dopo senza ricetta, ok dell'Agenzia europea del farmaco
24-11-2014 - Programmi fotocopia Ferilli, Pupo e altre star, ora la tv albanese prova a invadere l'Italia
24-11-2014 - L'albergo folle di Paolo Benvegnù: "Racconto l'umanità sull'orlo del collasso"
24-11-2014 - "Niente sconti per l'assassino di mio figlio, ora è maggiorenne e vada in carcere"
24-11-2014 - Nuda sul cornicione di un palazzo a Roma, scappava da uno stupro
24-11-2014 - Accordo sul piano Juncker, investimenti fuori dal patto. Via libera alla Finanziaria
23-11-2014 - Lampedusa sarà la nuova porta d'Europa
23-11-2014 - Fedez, cieco e innamorato
23-11-2014 - Regali a chi prescriveva il latte in polvere, arrestati 12 pediatri
23-11-2014 - "L'Europa in una nuvoletta", Parigi è come un album di vecchie Polaroid
23-11-2014 - Bce, in rivolta le banche di nuovo sotto esame
22-11-2014 - Eur, il corteo dei residenti: "Stop alla prostituzione. Occuperemo le stazioni"
22-11-2014 - Padoan, lettera alla Ue: credete nelle nostre riforme
22-11-2014 - Colesterolo, un nuovo mix statina-farmaco riduce quello 'cattivo' e abbassa rischio infarti
22-11-2014 - Pompei, trovato l'accordo sulla vigilanza agli Scavi. La soprintendenza: "Intesa storica"
22-11-2014 - "La nostra birra europea per i diritti Lgbt , a ssumiamo solo lavoratori omosessuali "
22-11-2014 - Le cosche raccolsero 600 mila euro per il tritolo destinato a Di Matteo
22-11-2014 - Quando insegnare ai bambini è un'avventura, basta parlarci
22-11-2014 - Come è bello tradirsi a Long Island
22-11-2014 - Milano, stop alle scodelle da casa nelle mense scolastiche: 3 su 4 non erano lavate a dovere
22-11-2014 - Fondazione Cottino, 150mila euro per le start-up della ricerca oftalmologica
21-11-2014 - Lombardia, sì del Pirellone al cemento: si potrà edificare un'area grande tre volte Milano
21-11-2014 - Bono, fratture multiple per il cantante degli U2
21-11-2014 - Cremona, tragico incidente in giardino: in due travolti e uccisi da una quercia secolare
21-11-2014 - Renzi in Emilia Romagna tra comizi e contestazioni: "Emorragia posti si è fermata, ma il lavoro resta priorità"
21-11-2014 - Tra ring e privato, Alì icona di un'epoca
21-11-2014 - Bce contro Ue: "Dannose le regole sul deficit"
21-11-2014 - Milano, la badante massacra di botte un disabile per derubarlo: presa insieme col complice
21-11-2014 - La rivincita possibile del maschio ormai inutile
21-11-2014 - È morto Mike Nichols, regista de "Il laureato"



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy