FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 Derby contro la Sla ...12
2 Chiude il campionato...10
3 Addio all'attrice An...9
4 Le vite devastate de...8
5  All'Estoril Lorenzo...8
6 Pensioni, misure per...7
7 Petrolio: accordo al...7
8 G8, Cassazione: "A B...7
9 Draghi risponde alle...6
10 Fca, Marchionne non ...6
11 G8 Genova, la polemi...6
12 Addio Tommaso Tommas...6
13 Quel classico così a...6
14 Da Kandinsky a Pollo...6
15 Siena, i festini ses...6
16 Emo / Eno6
17 "Panino libero" a To...5
18 Raggi perde i pezzi:...5
19 Il rigore e la calun...5
20 Legalizzazione canna...5
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 21 ottobre 2011 ore 23:57 - Visite 267
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Per la sfida globale della Rete risposta comune, e non solo dai governi



L'avvento e lo sviluppo di Internet sta trasformando e capovolgendo il nostro mondo e il nostro quotidiano. Tutto può trasformarsi in una sfida globale, che necessita di una risposta globale e coordinata. Tuttavia, fino ad oggi, il dibattito sul quale dovrebbe essere la forma di questa risposta comune rimane poco focalizzata e frammentata.        

Il Regno Unito è convinto che questa situazione debba cambiare. Vi è un immediato bisogno di un più ampio consenso internazionale, di un impegno collettivo che coinvolga gli attori più importanti della Rete.   
Questo è il motivo che mi ha spinto ad invitare al Convegno di Londra su Internet, che si terrà il primo e due novembre prossimi, non solo rappresentanti dei governi, ma anche membri della società civile e del mondo imprenditoriale. Nessun governo o Paese può da solo fornire risposte adeguate a questa situazione. Insieme dobbiamo cominciare a capire come proteggerci dal crimine e dagli attacchi contro la sicurezza in Internet, senza però soffocare gli stimoli innovativi e conservando i benefici economici e sociali derivanti dall'uso di Internet.

Il numero delle persone con accesso ad internet è aumentato incredibilmente: da 16 milioni di utenti nel 1995 sono oggi quasi 2 miliardi. Questo rapido sviluppo della Rete, unitamente al suo enorme potere connettivo, ha creato grandi opportunità economiche e sociali che non saremmo stati mai in grado di prevedere meno di vent'anni
fa.

L'ampliamento di questo nostro mondo interconnesso è assolutamente nell'interesse di tutti: si stima che per ogni 10% di aumento nel numero di persone con accesso alla banda larga, il PIL globale crescerà in media dell'1.3%, oltre ad incoraggiare la competizione e l'efficienza e a creare accesso a nuovi mercati.
Le industrie basate sul web rappresentano già una fetta significativa delle nostre economie. L'industria britannica vale oggi 100 miliardi di sterline, costituendo l'8% della totalità del nostro PIL, e si prevede che raggiungerà il 10% nei prossimi quattro anni. A livello globale, attraverso l'e-commerce si creano scambi per 8 trilioni di dollari ogni anno.

In un numero sempre maggiore di Paesi, contiamo su Internet per quasi tutte le nostre attività quotidiane, dal lavoro alla formazione, dal coltivare le amicizie fino a pagare le tasse.
In più, la Rete stimola l'innovazione e la creatività, oltre a contribuire ad educare intere generazioni, fornendo soprattutto un rapido accesso a informazioni e idee. Solo attraverso Google, vengono effettuate più di 1 miliardo di ricerche ogni giorno.

La nostra dipendenza da Internet ha attenuato l'importanza dei confini geografici e delle tradizionali barriere culturali e religiose, unisce famiglie e amici e facilita l'interazione tra coloro che hanno simili interessi e preoccupazioni. La Rete ha cambiato il nostro modo di comunicare.

Internet ha incoraggiato la trasparenza nei comportamenti e ha permesso agli individui di poter giudicare i propri governi. Per alcuni le opportunità fornite dalla Rete sono ancora più rilevanti. La Primavera Araba ha dimostrato come la possibilità di condividere le idee abbia portato a dei cambi inimmaginabili e abbia permesso a dei cittadini normali di ribellarsi all'oppressione dei propri regimi autoritari, mostrandone la brutalità al mondo intero.

L'uso delle nuove tecnologie sta aiutando a migliorare in modo significativo l'offerta di servizi al pubblico, la risposta alle emergenze e ai disastri naturali, oltre all'abilità di risolvere reati criminali.
Nei Paesi in via di sviluppo, l'accesso alla Rete ha già promosso dei cambiamenti positivi, prospettando a molti un futuro migliore, fornendo opportunità di formazione e educazione alle comunità rurali, facilitando il monitoraggio a distanza di pazienti affetti da HIV e la previsione dell'insorgenza di malattie.

La crescita di questo nostro mondo interconnesso ha però generato anche delle importanti sfide, che ne mettono a repentaglio i benefici, e che possono impedire in modo molto serio l'utilizzo del vasto potenziale offerto dalla Rete.
Negli ultimi anni si è fatto molto per aumentare la connettività globale. Tuttavia il digital divide è ancora considerevole: il 95% degli islandesi ha accesso a Internet a fronte dello 0.1% dei liberiani, mentre due terzi della popolazione mondiale è ancora off-line.
La Rete fornisce inoltre una serie di opportunità ai criminali, che ne fanno uso per rubare identità e idee, defraudare governi e aziende, e per sfruttare le fasce più vulnerabili delle nostre società. I danni finanziari causati dai crimini on-line sono cospicui, ammontando nel mondo a circa 1 trilione di dollari ogni anno. Il prezzo in termini di vite umane è di gran lunga superiore. I terroristi usano la rete per organizzare attacchi omicidi e inondare le chat con ideologie velenose al fine di reclutare le nuove generazioni.
I governi repressivi fanno uso del rapido sviluppo tecnologo per violare i diritti dei loro cittadini, limitandone la privacy e la libertà di espressione e impedendo loro quell'accesso all'informazione che molti di noi danno per scontato. L'avanzare della tecnologia ha inoltre aperto agli Stati nuovi canali per lanciare attacchi reciproci, per danneggiare le rispettive infrastrutture o per rubare i segreti, creando quindi paura per una 'guerra cibernetica'. La minaccia è reale: ogni mese i network del governo britannico ricevono all'incirca 20.000 attacchi via e-mail, di cui 1.000 inviate proprio allo scopo di danneggiare i nostri network.

Non intendiamo sottovalutare le difficoltà che il futuro ci riserva. Alcuni Paesi non condividono il nostro parere favorevole sull'impatto positivo di Internet. Raggiungere la necessaria ampia intesa a livello internazionale non sarà un compito facile. Ci vorrà del tempo.

E' questa una delle maggiori sfide dei nostri tempi. Non vi è nessun controllo su Internet, e non possiamo lasciarne il futuro al caso. Abbiamo la possibilità di assicurarci un futuro audace e innovativo, ma ci troviamo anche davanti al rischio che Internet venga utilizzato come strumento per arrecare danni. Se intendiamo proteggere e preservare le straordinarie opportunità offerte dalla Rete, dobbiamo iniziare ad agire ora.
A Londra, speriamo di delineare un'agenda che permetta al mondo di godere appieno dei benefici di una Rete protetta e sicura per tutte le generazioni future.

*Ministro degli Affari esteri del Regno Unito


DITE LA VOSTRA:
Tutti possono partecipare all'evento di Londra inviando domande e opinioni sul futuro della Rete. Una selezione delle domande inviate da tutto il mondo verrà sottoposta ai delegati nel corso del convegno.
E' possibile porre domande alla CyberSpace Conference in inglese tramite il proprio account Twitter, con hashtag #LondonCyber e seguendo @LondonCyber. Per domande più specifiche, aggiungere una delle seguenti parole con hashtag per identificare a quale dei 5 temi della conferenza il tema della domanda appartiene: #social, #economic, #crime, #access, #security. Info su questo sito.

Origine: Repubblica

29-09-2016 - Aleksandar Vucic: "Qui nei Balcani è tornato l'odio, solo l'Europa può salvare la pace"
29-09-2016 - Amnesty contro l'Ungheria di Orban: botte e burocrazia per tenere lontani i richiedenti asilo
29-09-2016 - San Diego, poliziotto uccide un afroamericano disarmato: scoppia la protesta
29-09-2016 - La Svizzera piazza un autovelox al confine con l'Italia: multe per 7,3 milioni di euro in soli sei mesi
29-09-2016 - Siria, ultimatum di Kerry a Mosca: "Fermare i raid su Aleppo o fine alla collaborazione"
29-09-2016 - Corbyn e l'orgoglio Labour: "Red flag" in coro, sul palco con il leader
29-09-2016 - Spagna, rivolta Psoe contro Sanchez: si dimette metà esecutivo
29-09-2016 - 11 settembre, il Congresso boccia il veto di Obama sulle cause a Riad
29-09-2016 - Usa, adolescente uccide il padre e poi ferisce tre persone in scuola elementare
28-09-2016 - Migranti, Hollande a Calais: "Londra faccia sua parte". Gb: "Giungla è faccenda francese"
28-09-2016 - Spagna, crollo del Psoe nelle regionali in Galizia e Paese Basco
28-09-2016 - Bosnia, minoranza serba dice sì al referendum che preoccupa i Balcani e l'Ue
27-09-2016 - Charlotte, l'uccisione di Keith Scott nelle immagini della polizia. Ma i dubbi sull'arma rimangono
27-09-2016 - Esplosione in centro a Budapest, due feriti. Polizia: "Una fuga di gas"
27-09-2016 - Migranti, Merkel: "Stringeremo accordi con Egitto e altri Paesi africani"
26-09-2016 - Usa, quei migranti italiani arsi vivi 115 anni fa. Ora l'America spezza l'oblio
26-09-2016 - Vertice senza Renzi, il premier: "Un avvertimento, ma non smetterò di criticare la Ue"
26-09-2016 - Elezioni Usa, la resa di Ted Cruz: "Voterò per Trump"
25-09-2016 - Elezioni Usa, il voto dei latini incubo di Trump: "Il gigante addormentato si sta svegliando"
25-09-2016 - Usa, lo spettro degli hacker russi sulle elezioni: l'America indifesa che fa gioco a Trump
25-09-2016 - Baltimora, ragazzo nero morto negli scontri. Muore anche uomo ferito a Charlotte. Agente arrestato
24-09-2016 - L'altra vita di Blair: l'ex leader laburista chiude i battenti della sua fondazione
24-09-2016 - Siria, ancora bombe e combattimenti ad Aleppo. Gli Usa chiedono una 'no fly zone'
24-09-2016 - Migranti, naufraga barcone con centinaia di persone a bordo: 42 i morti
24-09-2016 - Siria, bombe sulla clinica di una Ong, uccisi quattro operatori in un raid vicino ad Aleppo
24-09-2016 - Usa, agente uccide afroamericano a Charlotte, nella protesta feriti 12 agenti
23-09-2016 - Renzi all'Onu: "L'Italia raccoglie sfida di Obama su valori e futuro"
23-09-2016 - Brasile, Lula rinviato a giudizio per corruzione. Lui: "Una farsa"
23-09-2016 - Sequestro in Libia, Tripoli: "Sforzi per ritrovare gli italiani rapiti"
23-09-2016 - I nuovi Greenpeace Leaks sul Tisa "L'accordo sui servizi svende il pianeta"



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy