FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 G8, Cassazione: "A B...13
2 Verona: 15enne itali...10
3 La Russia vieta i si...9
4 Italiani bocciati in...8
5 Il papa annuncia 14 ...7
6 Orrore a Roma, donna...7
7 Roma, botticelle via...6
8 Rischia di saltare i...6
9 Lega a Berlusconi: "...6
10 Rajoy dà 5 giorni di...6
11 Def, Speranza (Mdp):...6
12 Incendio doloso in z...6
13 Takata in caduta lib...6
14 2016, top&flop: da P...6
15 Detenuto del carcere...5
16 "Se non puoi batterl...5
17 Incidenti sul lavoro...5
18 Calcio, sito d'incon...5
19 Valle d'Aosta, cresc...5
20 Sub morti a Ischia, ...5
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE



   Notizia del 06 luglio 2011 ore 12:50 - Visite 455
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Legittimi o naturali: semplicemente "figli" Approvate le modifiche al diritto di famiglia



ROMA - Solo figli. La distinzione tra figli naturali e figli legittimi cade. Con voto unanime la Camera ha approvato la proposta di legge che modifica il diritto di famiglia: ora i figli, compresi quelli adottati, avranno tutti gli stessi diritti e pari dignità. Così, nel codice civile le parole: "figli legittimi" e "figli naturali" saranno sostituite, ovunque ricorranno, dalla parola: "figli". "Tutti i figli hanno lo stesso stato giuridico", recita il primo articolo. Su 477 presenti, in Aula hanno votato in 476, c'è stato un solo astenuto, maggioranza 239, 476 i sì. Nessun voto contrario.

La proposta "Modifiche al Codice civile in materia di riconoscimento e di successione ereditaria dei figli naturali", relatrice Alessandra Mussolini, è bipartisan e ora è pronto a passare all'esame del Senato. Con un emendamento del Pd si è inoltre stabilito che il figlio naturale può assumere il cognome del padre aggiungendolo a quella della madre, se la paternità è stata riconosciuta successivamente. Il cognome della madre, comunque, non potrà mai essere sostituito da quello del padre.

La nuova legge si compone di quattro articoli che modificano il codice civile. Il primo articolo concerne "disposizioni in materia di filiazione" e propone di sostituire l'articolo 74 del codice civile con il seguente: "la parentela è il vincolo tra le persone che discendono da uno stesso stipite, sia nel caso in cui la filiazione
è avvenuta all'interno del matrimonio, sia nel caso in cui è avvenuta al di fuori di esso, sia nel caso in cui il figlio è adottivo". Non solo: "il figlio nato fuori del matrimonio può essere riconosciuto, nei modi previsti dall'articolo 254, dalla madre e dal padre, anche se già uniti in matrimonio con altra persona all'epoca del concepimento. Il riconoscimento può avvenire tanto congiuntamente quanto separatamente". E ancora: "tutti i figli hanno lo stesso stato giuridico" e con la legge viene introdotto uno specifico articolo (315-bis c.C.) sui diritti e doveri del figlio.

"Il figlio - si legge - ha diritto di essere mantenuto, educato, istruito e assistito moralmente dai genitori, nel rispetto delle sue capacità, delle sue inclinazioni naturali e delle sue aspirazioni. Il figlio ha diritto di crescere in famiglia e di mantenere rapporti significativi con i parenti". Poi il principio forse più innovativo sul piano del costume:" Il figlio minore, che ha compiuto i 12 anni, e anche di età inferiore se capace di discernimento, ha il diritto di essere ascoltato in tutte le questioni e le decisioni che lo riguardano. Il figlio deve rispettare i genitori e deve contribuire, in relazione alle proprie capacità, alle proprie sostanze e al proprio reddito, al mantenimento della famiglia finché convive con essa".

Il secondo articolo ("delega al governo per la revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione") conferisce una delega all'esecutivo per la modifica delle disposizioni vigenti in materia di filiazione e di dichiarazione dello stato di adottabilità al fine di adeguarle al principio dell'unicità dello stato giuridico dei figli. Il terzo articolo prevede le "modifiche alle norme regolamentari in materia di stato civile" e il quarto la "clausola di invarianza finanzaria" per cui dalla legge non deriveranno nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica.

"Con il testo approvato - ha commentato Alessandra Mussolini, presidente della commissione parlamentare per l'infanzia e parlamentare del Pdl - la legge riconosce finalmente a tutti i figli, anche quelli naturali, un solo status giuridico e i bambini nati fuori dal matrimonio potranno avere nonni, zii, fratelli, e più in generale vincoli parentali che prima gli venivano negati in assenza di legittimazione. Altro punto fondamentale, che segna un cambiamento culturale e sociale dovuto, riguarda il cognome: la madre che riconosce per prima il figlio, non vedrà cancellato il proprio cognome se in un secondo momento il bambino verrà riconosciuto dal padre".

Per i matrimonialisti si tratta di un passo avanti in grado di cancellare "secoli di arretratezza culturale, sociale e giuridica del nostro Paese", ha detto Gian Ettore Gassani, presidente nazionale dell'associazione avvocati matrimonialisti Italiani. "Il 20% dei bambini in Italia nasce fuori dal matrimonio (circa 100mila all'anno). Occorre perciò cancellare definitivamente ogni discriminazione anche di carattere terminologico abolendo la categoria di figli naturali e figli legittimi", ha concluso.

In un comunicato, Carlo Giovanardi, sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega alle politiche familiari ringrazia la Commissione presieduta dal prof. Cesare Maria Bianca "Questo Governo intende rispettare rigorosamente i principi costituzionali che riconoscono la famiglia come società naturale fondata sul matrimonio e, nel contempo, garantire a tutti i figli lo stesso trattamento, prescindendo dal fatto che siano nati fuori o dentro lo stesso". Anche il Moige è soddisfatto. "Condividiamo con l'amministrazione del comune di Roma la necessità di adottare misure in favore dei genitori. Il rischio è che la famiglia, fortemente provata dalla crisi economica, venga ancora una volta affossata". Così, Maria Rita Munizzi, presidente nazionale del Moige, il movimento genitori.

Il via libera della Camera è "un atto di civiltà giuridica che abbiamo a lungo perseguito", ha detto in una nota Rosy Bindi, vicepresidente della Camera. "Già nella precedente legislatura, come ministro della Famiglia, avevo proposto una modifica al codice civile per assicurare la parificazione di ogni forma di filiazione, secondo la piena e integrale attuazione del principio costituzionale di uguaglianza - ha aggiunto  Bindi -. E' un risultato di grande significato politico, culturale e sociale, si sanano le lacune del diritto di famiglia e si riconoscono il protagonismo e l'autonomia dei bambini, il valore delle relazioni affettive e dei legami parentali".

Origine: Repubblica

22-05-2018 - Palermo, omicidio Salvato: lo zio della vittima confessa il delitto
22-05-2018 - Antoci, l'agguato resta senza colpevoli. Chiesta l'archiviazione del caso
22-05-2018 - I giudici: "Aberrante poter chiedere il danno d'immagine per gli assenteisti e non per le torture del G8"
22-05-2018 - Varese, scambia il bagnoschiuma con l'acido solforico: ustionato mentre fa la doccia
22-05-2018 - Neonato abbandonato in centro a Brescia: il piccolo sta bene, si cercano i genitori
22-05-2018 - Chiamano la figlia Blu, genitori convocati in procura: "Nome non corrisponde al sesso, rettificatelo"
22-05-2018 - Cartellino addio, si lavora fuori dall'ufficio: la sperimentazione in Emilia Romagna
22-05-2018 - Milano, urta lo specchietto durante un sorpasso e viene picchiato con una mazza da baseball: è grave
22-05-2018 - Ruby Ter, rischio prescrizione per gli imputati per falsa testimonianza
22-05-2018 - La Soprintendenza vieta il concerto dello Stato sociale in piazza Maggiore. "Ma chi sono?"
22-05-2018 - Giardinieri sì, purché italiani: bando pubblico discriminatorio bloccato dal tribunale di Torino
22-05-2018 - Papa Francesco a un omosessuale: "Dio ti ha creato così e ti ama come sei"
22-05-2018 - Fermo, lite finisce in tragedia: spara alla moglie e la uccide
22-05-2018 - Parma, incidente nella polveriera: operaio in rianimazione
22-05-2018 - Scossa di terremoto di magnitudo 3.8 nelle Marche. Evacuate alcune scuole
22-05-2018 - Tremila candidati per 5 posti, assalto annunciato al concorso per infermieri a Torino
21-05-2018 - Incidenti sul lavoro: niente consegne a domicilio, il 25 maggio sarà sciopero dei "rider"
21-05-2018 - Torino, riti voodo via Skype per costringere le ragazze a prostituirsi
21-05-2018 - Varese, trovato in fin di vita fuori dalla discoteca: 28enne muore in ospedale
21-05-2018 - Francavilla al Mare, lancia figlia dal viadotto poi si suicida. Avrebbe ucciso anche la compagna
21-05-2018 - L'incontro di Graviano con Fiammetta Borsellino. Il boss: "Mio cugino frequentava Berlusconi"
21-05-2018 - Milano, entra in classe e picchia la maestra del figlio: "Lo aveva graffiato a un braccio"
21-05-2018 - Udine, autobus della Flixbus finisce fuori strada: 26 i feriti
21-05-2018 - Due lavori di Repubblica selezionati ai "The Drum Online Media Awards"
21-05-2018 - Omicidio Regeni, i genitori lanciano lo sciopero della fame: "In Egitto chi cerca la verità paga un prezzo altissimo"
20-05-2018 - Islamabad, Farah dopo la liberazione "Fatemi tornare subito in Italia"
19-05-2018 - Novara, rifiutò l'alcoltest dopo la discoteca: il bomber dell'Arsenal condannato a 4 mesi
19-05-2018 - Detenuto del carcere di Opera a rischio radicalizzazione evade dall'ospedale: è caccia all'uomo
19-05-2018 - Il giallo dei rifiuti di Sigonella
18-05-2018 - Morto Ezio Barbieri, il bandito dell'Isola era malato da tempo



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy