FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 Chiude il campionato...4250
2 G8, Cassazione: "A B...2864
3 Da Kandinsky a Pollo...2514
4 Addio all'attrice An...2415
5 Il Far East Festival...2380
6 "Eravamo bambini", i...2353
7 Il prof, l'alunno, l...1809
8 Ripresa dell'Eurozon...1760
9 Costi della politica...1621
10 Bruxelles, accordo s...1591
11 Traffico in tempo re...1588
12 Il paese dei Comuni ...1378
13 Attacco jihadista al...1322
14 Espresso-Itedi, dall...1257
15 Cremona, spacciavano...1251
16 Basta muri, sono cas...1237
17 Bayer valuta l'acqui...1232
18 Per gli indiani d'Am...1200
19 A Legoland arriva il...1191
20 Mps vola a Piazza Af...1190
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 17 maggio 2011 ore 00:21 - Visite 246
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Concessione ridotta a 20 anni Fai e Wwf: "C'è l'inganno"



ROMA - E' un bene che sia tramontata l'ipotesi del diritto di superficie per 90 anni per le spiagge date in concessione a privati, ma è un altro il rischio nascosto nel decreto sviluppo: scadute le future concessioni, il Demanio sarà costretto a "comprare" le strutture edificate sul suolo pubblico. La denuncia viene da Fai e Wwf a poche ore dalla firma del capo dello Stato sul decreto che contiene le norme sulle nuove concessioni a fini turistici sul litorale demaniale. Il governo, dopo le polemiche dei giorni scorsi, è stato costretto a modificare il termine delle concessioni, riducendo drasticamente a vent'anni la durata di 90 anni inizialmente prevista.

Il diritto di superficie quasi secolare era stato istituito a garanzia della programmazione e della certezza degli investimenti degli operatori privati. Ma quella sorta di concessione "a vita" era stata giudicata dall'Ue "non conforme" alla disciplina del mercato comune, che prevede in casi simili tempi ragionevolmente ridotti, ed aveva sollevato anche le perplessità del Quirinale. Il Colle aveva chiesto che il termine fosse riconsiderato. Così il testo è stato modificato e il termine di 20 anni dovrebbe comparire nell'ultima versione del decreto, la cui pubblicazione in Gazzetta Ufficiale è attesa per stasera..

Fai e Wwf temono però che questo non basti e chiedono che si ritorni al diritto di concessione oggi in vigore. "L'inghippo - sostengono le due associazioni - della trasformazione del diritto
di concessione in diritto di superficie mette a rischio cementificazione le spiagge. Si vuole infatti separare la proprietà del terreno da quello che viene edificato e questo significa garantire ai privati la proprietà degli immobili, già realizzati o futuri sul demanio marittimo".

Oggi come oggi, questo rischio era escluso perché, tramite la concessione, gli immobili, anche se realizzati da privati, rimanevano in uso per il tempo della concessione, ma erano del demanio. "In concreto - proseguono Fai e Wwf - questo significa che con l'introduzione del diritto di superficie se lo Stato vorrà le spiagge libere da infrastrutture, una volta scaduto il termine dei vent'anni, dovrà pagare ai privati il valore degli immobili realizzati perché questi saranno a tutti gli effetti di loro proprietà e quindi potranno essere venduti o ereditati".
"In via teorica - concludono Wwf e Fai - , anche se poco applicata, lo Stato oggi può revocare le concessioni in caso di violazioni; cosa che non sarà più possibile con il diritto di superficie".

I Verdi, con il presidente Angelo Bonelli, vanno oltre: "E' chiaro a tutti che i 90 anni sono stai usati per nascondere il vero obiettivo che era e purtroppo rimane il diritto di superficie. Il 18 giugno manifesteremo a Ostia, la città dove è stato cementificato il 90% delle spiagge, per dire no a questo decreto vergogna". "Il diritto di superficie - accusa Bonelli - si utilizza infatti per l'edificazione in fondi altrui ovvero pubblici e sarà proprio il diritto all'edificazione, da esso garantito, il vero killer delle spiagge italiane. Diritto di superficie e norme sui distretti turistici 'a burocrazia zero' consentiranno di realizzare qualunque attività e intervento edilizio sulle spiagge". Tra l'altro, dice Bonelli, il Decreto sviluppo lo sostiene espressamente: "Il diritto di superficie - si legge -  si costituisce sulle aree inedificate formate da arenili... Sulle aree già occupate da edificazioni esistenti, aventi qualunque destinazione d'uso in atto alla data di entrata in vigore del presente articolo".

Origine: Repubblica

10-12-2016 - SCHEDA / Leggi elettorali in campo, ecco chi vuole cosa
10-12-2016 - Cara Raggi, abbia il coraggio di guardare la ferita di Roma
10-12-2016 - La crisi Mps cambia il totonomi per palazzo Chigi: sale Padoan
10-12-2016 - Governo in crisi, su voucher e articolo 18 lo spettro di un nuovo referendum
09-12-2016 - Gianni Cuperlo: "Giusto ricostruire tutto, a cominciare dal Pd"
09-12-2016 - Cerignola, il sindaco trova 20mila euro nel pacco di Natale e chiama la polizia: "Non mi vendo"
09-12-2016 - Crisi di governo, come definire il prossimo esecutivo? Glossario delle soluzioni
09-12-2016 - Crisi, al via le consultazioni. Mattarella punta a nuovo governo entro il 15 dicembre: prima opzione il reincarico a Renzi
09-12-2016 - Tre scenari per la crisi
09-12-2016 - Riecco le Province. Cento carrozzoni da 5 miliardi di euro l'anno, tutti sull'orlo del dissesto. E ora da rifinanziare per strade e scuole
08-12-2016 - Crisi aperta, tutto nelle mani di Mattarella
08-12-2016 - Il populismo del potere
08-12-2016 - Ha perso la politica che ignora il Sud
08-12-2016 - Roma, giallo sull'addio di Berdini ma lui smentisce: "Non ne so niente"
08-12-2016 - L?Italia senza leader. Manca un premier e pure un nemico
08-12-2016 - Le élite imparino l'umiltà o il populismo sarà trionfante
08-12-2016 - Referendum e crisi di governo: dalla cannabis legale al Jobs Act, le dieci leggi che rischiano di saltare
07-12-2016 - Rai, Merlo lascia: "Progetto sabotato"
07-12-2016 - La sfida perduta: Dal Nazareno al Jobs act, i mille giorni di un premier con troppi nemici
07-12-2016 - L'idea del Pd: governo di responsabilità o il voto
06-12-2016 - Il paletti del Colle e i voti di Renzi
06-12-2016 - Nomine Ue, il Pse candida l'italiano Pittella alla presidenza del Parlamento
06-12-2016 - "Sanitopoli" Abruzzo, Cassazione annulla parte della condanna a Del Turco
06-12-2016 - Referendum, l'ira dei sindaci: "Rimborsi tagliati del 60 per cento, i Comuni si indebiteranno"
06-12-2016 - Le dimissioni di Renzi e il rischio del salto nel buio
06-12-2016 - Renzi accetta l'invito di Mattarella: dimissioni dopo ok alla manovra
05-12-2016 - Affluenza all'estero oltre le attese, i leader chiudono la campagna
05-12-2016 - Firme false 5 stelle, Nuti si sfoga: "Ho combattuto la mafia, indagini confermeranno mia onestà"
04-12-2016 - Referendum, affluenza alle 19 oltre il 57%. Renzi parla intorno a mezzanotte da Palazzo Chigi
04-12-2016 - Referendum, votiamo per l'Italia e per l'Europa. E Prodi spiega il suo Sì



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy