FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Shopping    >> FORUM <<  


1 Lindt fa shopping ne...62
2 Dati personali, siam...8
3 Generali vende Bsi a...6
4 Mondiali di atletica...6
5 Alfano a Renzi: "Art...5
6 Banche, il Consiglio...5
7 Tnt sparge per le ci...5
8 Il Portogallo all'Eu...5
9 Brescia, mensa obbli...4
10 Ucraina, Onu: "Situa...4
11 La fiducia dei consu...4
12 Italia-Ue, per le ca...4
13 Bimbo morto ad Alcam...4
14 Il Mondiale? L'ha vi...4
15 Draghi: "Crescita mo...4
16 Bond e scaglioni per...4
17 Fmi all'Italia: più ...4
18 Citigroup si accorda...4
19 Distributori di carb...4
20 Ideal Standard, a ri...4
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 28 maggio 2011 ore 09:05 - Visite 165
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Vivere sulla nuvola? Non è male ma la chiave è la sicurezza



Vivere sulla nuvola? Non è male ma la chiave è la sicurezzaUN MESE sulla nuvola. Ad assaporare il futuro prossimo dei personal computer, sia pure con un discreto sforzo di immaginazione. Proprio così. Per poco più di quattro settimane abbiamo scelto di usare per la nostra vita digitale in casa soltanto il nuovo sistema operativo che Google si appresta a lanciare: Chrome OS. E tutto sommato non è andata così male, tra conferme, sorprese e qualche dubbio. Il nuovo ambiente di lavoro di Google dà vita a un computer pensato per vivere quasi esclusivamente in rete, un sistema operativo "Cloud" avanzato che finora è stato distribuito in decine di migliaia di copie assieme a un prototipo studiato per i test, il netbook da 12 pollici col nome in codice  Cr-48. E che dal 15 giugno sarà disponibile per tutti con due nuovi modelli grazie a Samsung e Acer.

Ma l'hardware, in fondo, conta poco. Ce lo facciamo bastare, considerando che i computer con cui arriverà la versione definitiva di Chrome OS avranno impressi i marchi dei giganti dell'informatica del calibro di Samsung, Acer e Intel. Per semplificare diciamo che a breve scopriremo Chrome su dispositivi votati alla mobilità e forse, in futuro, anche sui tablet. Con un comune denominatore: consumi ridotti all'osso e quindi a massima autonomia energetica possibile. Non è certo un caso il cr-48
abbia una super batteria che occupa un buon terzo dello spazio e garantisce fino a 8 ore.

Ma andiamo avanti, adesso è il software che ci interessa. Google italia - che ce lo ha messo a disposizione - ha spiegato che si tratta di un ambiente ancora in beta, come nella migliore tradizione di Mountain View. Verissimo, ma le versioni che si sono succedute e che abbiamo provato (l'ultima si è installata da sola proprio mentre stavamo scrivendo questo articolo) danno l'idea che la stabilità non sia poi così lontana. Proprio perché nato per stare sulla rete, Chrome rappresenta uno scossone al mondo dell'informatica così come l'abbiamo concepita finora. Se ne va in pensione l'hard disk classico, sostituito da un disco a stato solido (più veloce e meno avido di energia) dove risiede il sistema operativo e i programmi. C'è naturalmente la connessione Wi-fi e un un modulo per la connessione 3G, indispensabile da noi in Italia dove trovare una connessione wireless quando ci si muove è sempre un'impresa. 

Leggero e veloce. Chrome si avvia in poco meno di 7 secondi. Basta sollevare il monitor del laptop e spunta l'icona del nostro account (disponibile anche quello per gli ospiti). Non dobbiamo fare altro che inserire le nostre credenziali Google e si parte. Tutto, ma proprio tutto avviene con il browser, quel Chrome che molti di noi hanno imparato a conoscere già da tempo sui maggiori sistemi operativi in circolazione (e che conta a tutt'oggi 160 milioni di download). Anche per i settaggi successivi alla prima installazione bisogna aprire pagine di browser. Si tratta di rifiniture, per il resto il sistema va da solo così come da solo riconosce gli aggiornamenti e li applica. Scopriamo che nella pagina home ci sono dei programmi. Per lo più sono dei link a delle web apps. Controlliamo il nostro account di gmail, poi, aprendo altro scheda del browser quello della posta del lavoro (ci serviva javascript e funziona egregiamente), la chiudiamo e torniamo alla base. Lasciamo aperte le schede relative, laddove un'icona nella taskbar ci avviserà se su gmail ci è arrivata altra posta. Ancora il browser per navigare e qui si nota che il plugin di flash non sembra ottimizzato e i video non appaiono fluidi come ci si aspetterebbe. Ma siamo quasi certamente dinanzi ai classici difetti di gioventù.

Vogliamo scrivere. C'è Google Docs, naturalmente. Grazie al modulo 3G potremo continuare a lavorare anche quando la rete wifi ci abbandona. Ma se ci troviamo lì dove nemmeno quella mobile funziona? E' decisamente un limite. Serve la connessione, poche storie. A meno che non consentire al sistema anche una vita offline. Dopo la scomparsa di Google Gears - è questo l'annuncio fatto oggi alla conferenza degli sviluppatori di Google a San Francisco - sarà il codice Html5 a permettere alle applicazioni web di fornire funzionalità offline. Anche perché la rete "sempre e ovunque" è ancora di là da venire.

App store. Qui Chrome OS non scopre nulla. Si accoda al modello già esistente e vincente e propone il suo negozio online di applicazioni. Il Chrome app store offre al momento di circa 2500 applicazioni, che aumentano di giorno in giorno grazie agli sviluppatori. Per lo più si tratta di applicazioni web, che vivono col browser. Troviamo di tutto, dalle interfacce giuste per poterci collegare ai servizi di storage e conservare i nostri dati online, alle applicazioni per modificare le foto, a quelle che ci consentono di leggere i principali giornali su nostro computer, a quell'universo di software studiati per rendere la transizione a questa nuova filosofia meno traumatica. In uno stile tutto smartphone ormai accettato da tutti e qui puntualmente riprodotto.

Mondo social. In questo campo la differenza con un sistema operativo tradizionale non si nota affatto. Volendo si possono utilizzare al meglio i servizi che Google offre per la messaggistica istantanea, anche video, altrimenti fanno il loro dovere le web application multi-protocollo che sono disponibili sul web app store, gratuite o a pagamento. IM+ per esempio, ci consente di tenere sotto controllo tutti i nostri account insieme. Il tutto fila con estrema semplicità ed efficacia. Lo stesso vale per gli account di condivisione di foto, da Flickr a Picasa agli altri che via via fanno la loro comparsa sul negozio online e a quelli musicali, tipo Last. fm e Grooveshark.

L'incognita sicurezza. Bel problemino. Richard Stallman,  tra i pionieri del software libero, non la manda a dire: "Chrome OS è una minaccia per la privacy". E argomenta da par suo, puntando il dito sulla stessa filosofia "cloud". Va da se che questa trasformazione in atto nel mondo digitale necessita di certezze soprattutto nel campo della privacy. Chi garantisce la sicurezza dei nostri dati che risiedono su server esterni per di più sparsi nei data center del pianeta? Servono regole certe, condivise e transnazionali. Il "cloud" ha il dovere di essere più sicuro dei sistemi di computer così come li abbiamo immaginati noi finora, altrimenti la sua stessa esistenza rischia di essere messa in discussione. E Chrome OS di non decollare mai come vorrebbe. Un cambio di rotta - soprattutto dopo i furti di dati personali su scala mondiale degli ultimi tempi - che riguarda anche un settore cruciale come quello delle aziende, dove il tema della sicurezza è vitale. Sciolto questo nodo, la strada per la nuova creatura di Mountain View dovrebbe essere in discesa.

Conclusioni. Il Chrome os è ancora agli inizi, è un sistema operativo "bambino". Mostra tutti i limiti di una beta ma è piacevole vederlo crescere considerando che rappresenta già ora una rivoluzione nel modo di approcciare alla vita digitale. Guarda avanti e passo dopo passo prova a rendere concreta la sua visione. Potremmo aggiungere che guarda "troppo avanti". Ma poi, diciamocelo: quanti di noi hanno mostrato le stesse perplessità quando la Apple fece sparire i floppy dai computer? E che dire dello spaesamento di quando ci siamo trovati dinanzi ai primi dispositivi touch? O quando abbiamo rinunciato al lettore cd o dvd in nome della massima portabilità? Da allora, per esempio, abbiamo sostituito quei supporti magnetici con le chiavette e le memorie a stato solido sempre più piccole e sempre più performanti. E quasi non ce ne siamo accorti. Adesso è il turno del "cloud computing" che, a sua volta, si offre di farci lasciare nel cassetti schede e chiavette varie. In favore di una nuvola in cui i nostri documenti, le nostre foto, i nostri video, la nostra musica, sono su servizi dedicati (gratis o a pagamento) e da quei server possiamo averli disponibili ogni volta che vogliamo. Rete permettendo.

Del resto la maggior parte degli utenti usa il computer - anche in campo aziendale- per fare soltanto alcune cose, lo stretto necessario: navigare, condividere informazioni sul web, comunicare, dialogare coi nostri contatti social, sfogliare archiviare e gestire multimedia e poco altro. Chrome OS in questa fase è pensato per loro. E chi del computer fa un uso lievemente più complesso deve - almeno per ora - rivorgersi ad altri sistemi operativi più collaudati, sicuri e con un hardware molto più performante. E' questo lo spartiacque, al momento. Mountain View lo sa e prova a indicare la sua strada in questa direzione. Nello stile work in progress che ha sempre contraddistinto Big G: in "beta", ma su scala planetaria. La sfida è stata appena lanciata.

Origine: Repubblica

29-07-2014 - "Berlino prepara duemila cellulari anti-spionaggio"
29-07-2014 - Chiamatela equity tax: per De Benedetti e Confalonieri è necessaria
29-07-2014 - Agli italiani internet piace mobile. Sorpassato il computer
29-07-2014 - Agenzia digitale, Alessandra Poggiani è il nuovo direttore generale
29-07-2014 - Un visore 3D anche per Samsung: Gear VR sarà l'anti-Oculus
29-07-2014 - Maxi tagli in casa Microsoft: saltano 18mila posti di lavoro
29-07-2014 - Storico accordo Apple-Ibm: da subito 100 app dedicate alle imprese
29-07-2014 - Diritto all'oblio: 90mila richieste, Google ne approva la metà
29-07-2014 - Gli Angelucci perdono causa da 20 milioni di euro contro Wikipedia
29-07-2014 - Google, con Baseline avremo l'identikit dell'uomo perfetto
29-07-2014 - La lettura? Un esercizio popolare. Grazie a social e applicazioni
29-07-2014 - Copyright, Guardia di Finanza chiude un "cyberlocker" italiano
29-07-2014 - Libri in streaming, Amazon lancia (per pochi minuti) il "modello Spotify"
29-07-2014 - Wind, indennizzo straordinario per il giorno di blackout. Ma solo per chi ha già reclamato
28-07-2014 - Chattare senza linea telefonica anche su smartphone: ecco Fire, l'app "mesh"
27-07-2014 - Deezer: "La musica del futuro è solo streaming. Ora servono cultura digitale e lotta alla pirateria"
25-07-2014 - Google, in Italia utenti saranno più tutelati. Le nuove regole del Garante della privacy
21-07-2014 - "Android, quasi 900mila app clonate": l'allarme di Trend Micro
18-07-2014 - "A rischio email e telefonate degli italiani". Il dossier segreto sul tavolo del governo
15-07-2014 - Quella lucina rossa che "brucia" 80 miliardi di dollari l'anno
15-07-2014 - Dati personali, siamo disposti a venderli per due euro
14-07-2014 - Diritto all'oblio, da Google un sito ad hoc per le opinioni degli utenti
11-07-2014 - Google applica diritto all'oblio per un banchiere, è effetto boomerang
10-07-2014 - Copia privata, Confindustria digitale: "Aumenti esosi, rivedere la normativa"
10-07-2014 - Il tablet 3D di Google arriva nel 2015: lo produrrà Lg
10-07-2014 - Social network, chi vive e chi muore nell'impero di Facebook
09-07-2014 - Equo compenso: ecco tutti i rincari su tv, smartphone, hard disk
08-07-2014 - Ue, da domani dimezzato costo del roaming per il traffico dati
06-07-2014 - Il Garante della Privacy: i giganti del web sono andati oltre la democrazia
06-07-2014 - Sorveglianza della Nsa in 193 Paesi, Italia compresa. Per gli Usa "costituzionalmente accettabile"



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy