FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 programma42
2 Chiude il campionato...27
3 Salone di Parigi, sh...24
4  Verona, tabaccaio u...24
5 Il rigore e la calun...23
6 Gli elettrodomestici...23
7 Siria, la Russia rep...20
8 Hedge fund in fuga d...20
9 Turchia, la vendetta...20
10 La Commissione di Fr...20
11 Traffico in tempo re...20
12 Caso Regeni, per sco...19
13 Roma, è Mazzillo il ...19
14 Volkswagen, via libe...19
15 L'Italia. Un magnifi...19
16  L'Ascoli in dieci r...19
17 Camorra, un agguato ...18
18 I fumetti e il super...18
19 Demanio, venti fari ...17
20 Dylan Dog compie tre...16
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 30 aprile 2011 ore 17:57 - Visite 239
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Riaffiorano le polemiche sulla nascita E Obama rende pubblico il certificato



Riaffiorano le polemiche sulla nascita E Obama rende pubblico il certificatoWASHINGTON - Eccolo il documento che una volta per tutte dovrebbe mettere la parola fine alle polemiche che hanno accompagnato il presidente Barack Obama fin dal giorno della sua elezione, sulla sua legittimità ad occupare la Casa Bianca: è stato reso pubblico il certificato di nascita di Obama, in forma completa, che prova che il presidente è con certezza cittadino americano ed è nato alle Hawaii, a dispetto di chi continua a seminare dubbi sulla sua americanità. 

Ultimo, in ordine di tempo, a cavalcare l'argomento è stato Donald Trump, il magnate repubblicano lanciato verso la candidatura per la corsa alla Casa Bianca, ma la causa è popolare da tempo fra i cosiddetti "birthers", movimento che raggruppa chi ormai da anni pensa che Obama sia nato in Kenya e non alle isole Hawaii, e che pertanto non abbia diritto ad essere presidente degli Stati Uniti, visto che il secondo articolo della Costituzione prevede esplicitamente la nascita nel territorio americano come requisito essenziale per essere eletto.

"Non abbiamo tempo per queste stupidaggini, abbiamo cose più importanti da fare, abbiamo problemi da risolvere". Così, con una breve dichiarazione alla stampa, Barack Obama ha spiegato perché ha deciso di pubblicare il certificato, dopo aver ignorato ed essersi anche "divertito" per anni delle "falsità" fatte circolare sul suo conto. Ma ora basta: "Abbiamo grandi problemi da affrontare insieme, lo possiamo fare, ma
non se ci facciamo distrarre" da cose senza importanza che ci impediscono "di essere seri", ha detto ancora il presidente Usa. E a forza di delegittimazioni "non andiamo da nessuna parte", ha aggiunto.

Il documento, in forma completa, è stato pubblicato sul sito della Casa Bianca e certifica che Obama è nato ad Honolulu, è firmato dalla madre e dalle autorità governative statali. Il certificato aggiunge anche il luogo di nascita del presidente, l'ospedale di maternità e ginecologia di Kapiolani. Il documento è stato recuperato dall'avvocato del presidente che è appositamente volato nelle Hawaii per ottenerne una copia.

Durante la campagna elettorale, nel 2008, Barack Obama già pubblicò sul suo sito l'estratto di quel certificato, in cui era leggibile in modo chiaro che era nato il 4 agosto 1961 a Honolulu. Ma in tutti questi mesi, i "birthers" hanno sempre ripetuto che a loro giudizio quel certificato era un falso. Si tratta di una tesi portata avanti in modo ossessivo da una parte dell'establishment repubblicano, e di fatto ripudiata dai vertici del partito.

Sembrava una polemica ormai superata, ma nelle ultime settimane è stato il miliardario Trump a rimetterla al centro del dibattito politico. "Perché non l'ha mostrato anni fa?", ha commentato a caldo il tycoon, aggiungendo: "Spero che sia autentico. Voglio vederlo di persona. Comunque sono contento perchè ora possiamo parlare di tanti problemi seri che affliggono il Paese", ha detto ancora Trump, che ora dovrebbe essere soddisfatto.

"Sarebbe ora che il Paese discutesse di problemi veri e non fosse distratto da queste questioni totalmente finte", ha aggiunto Dan Pfeiffer, il direttore della comunicazione della Casa Bianca. Nella speranza che davvero ora si possa iniziare a pensare ad altro.

 

Origine: Repubblica

01-10-2016 - La lenta agonia della mia Aleppo
01-10-2016 - Siria, Kerry torna a minacciare la Russia: "Vicini a sospendere i colloqui con Mosca"
01-10-2016 - Gavron: "Peres, la sua è stata una voce forte per il dialogo, oggi alla sinistra manca un leader come lui"
01-10-2016 - Treno di pendolari si schianta nel New Jersey, un morto e oltre 100 feriti
01-10-2016 - Migranti, la Slovacchia prende le distanze da Orban. Kiska: "Lavoriamo insieme"
01-10-2016 - Nuove ombre sugli affari di Trump. Newsweek: "Ha violato l'embargo Usa su Cuba"
01-10-2016 - Spagna, Psoe spaccato: Sanchez va avanti e annuncia le primarie. Caos senza precedenti
01-10-2016 - E' morto Nemer Hammad, a lungo rappresentante dell'Olp in Italia
01-10-2016 - Migranti, domenica l'Ungheria vota il referendum su quote. La sfida di Orbàn alla Ue
01-10-2016 - Caso Regeni, per scoprire la verità "serve l'aiuto europeo"
01-10-2016 - Siria, la Russia replica a Kerry: "Gli Usa risparmiano i terroristi per usarli contro Assad"
01-10-2016 - Nobel per la Pace, tra i favoriti il presidente colombiano e il leader delle Farc
01-10-2016 - Ungheria: "Il referendum sui migranti strumento contro i tecnocrati Ue"
01-10-2016 - Morte di Peres, i grandi del mondo ai funerali a Gerusalemme. Misure di sicurezza eccezionali
01-10-2016 - Usa, adolescente uccide il padre e poi ferisce tre persone in scuola elementare
30-09-2016 - Spagna, rivolta Psoe contro Sanchez: si dimette metà esecutivo
30-09-2016 - Siria, ultimatum di Kerry a Mosca: "Fermare i raid su Aleppo o fine alla collaborazione"
30-09-2016 - Corbyn e l'orgoglio Labour: "Red flag" in coro, sul palco con il leader
30-09-2016 - 11 settembre, il Congresso boccia il veto di Obama sulle cause a Riad
30-09-2016 - Investigatori olandesi: volo MH17 abbattuto da un missile portato in Ucraina dalla Russia
30-09-2016 - Tragedia Siria, il Papa: "I responsabili renderanno conto a Dio!"
30-09-2016 - La Svizzera piazza un autovelox al confine con l'Italia: multe per 7,3 milioni di euro in soli sei mesi
30-09-2016 - Wolff: "La partita è chiusa, i social affosseranno Trump"
30-09-2016 - Marò, Corte Suprema indiana: Latorre in Italia fino al termine dell'arbitrato
30-09-2016 - San Diego, poliziotto uccide un afroamericano disarmato: scoppia la protesta
30-09-2016 - Morte Peres, Pacifici: "Nella sua visione di pace benessere per Israele e Palestina"
30-09-2016 - Morto Peres, Obama: "Uomo che ha cambiato la storia"
30-09-2016 - Betancourt: "Ora la Colombia può ricucire le ferite e le Farc non faranno la fine dei narcos"
30-09-2016 - Addio a Shimon Peres, il falco divenuto colomba. L'ex presidente di Israele aveva 93 anni
29-09-2016 - Amnesty contro l'Ungheria di Orban: botte e burocrazia per tenere lontani i richiedenti asilo



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy