FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Shopping    >> FORUM <<  


1 Bellezze straniere d...2
2 Per Setola un altro ...1
3 Podemos, il nuovo se...1
4 Prezzi, l'Istat conf...1
5 Bce contro Ue: "Dann...1
6 Nuovo cinema America...1
7 Travolto in bici men...1
8 Luxottica-Guerra, Co...1
9 Tlc, al via anche in...1
10 Musica, morto Enrico...1
11 MIlan, esonerato All...1
12 Genoa-Roma 0-1 : se...1
13 Riaffiorano le polem...1
14 Figurina e autografo...1
15 Carta Canta > Tutti...1
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 30 aprile 2011 ore 17:57 - Visite 92
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Riaffiorano le polemiche sulla nascita E Obama rende pubblico il certificato



Riaffiorano le polemiche sulla nascita E Obama rende pubblico il certificatoWASHINGTON - Eccolo il documento che una volta per tutte dovrebbe mettere la parola fine alle polemiche che hanno accompagnato il presidente Barack Obama fin dal giorno della sua elezione, sulla sua legittimità ad occupare la Casa Bianca: è stato reso pubblico il certificato di nascita di Obama, in forma completa, che prova che il presidente è con certezza cittadino americano ed è nato alle Hawaii, a dispetto di chi continua a seminare dubbi sulla sua americanità. 

Ultimo, in ordine di tempo, a cavalcare l'argomento è stato Donald Trump, il magnate repubblicano lanciato verso la candidatura per la corsa alla Casa Bianca, ma la causa è popolare da tempo fra i cosiddetti "birthers", movimento che raggruppa chi ormai da anni pensa che Obama sia nato in Kenya e non alle isole Hawaii, e che pertanto non abbia diritto ad essere presidente degli Stati Uniti, visto che il secondo articolo della Costituzione prevede esplicitamente la nascita nel territorio americano come requisito essenziale per essere eletto.

"Non abbiamo tempo per queste stupidaggini, abbiamo cose più importanti da fare, abbiamo problemi da risolvere". Così, con una breve dichiarazione alla stampa, Barack Obama ha spiegato perché ha deciso di pubblicare il certificato, dopo aver ignorato ed essersi anche "divertito" per anni delle "falsità" fatte circolare sul suo conto. Ma ora basta: "Abbiamo grandi problemi da affrontare insieme, lo possiamo fare, ma
non se ci facciamo distrarre" da cose senza importanza che ci impediscono "di essere seri", ha detto ancora il presidente Usa. E a forza di delegittimazioni "non andiamo da nessuna parte", ha aggiunto.

Il documento, in forma completa, è stato pubblicato sul sito della Casa Bianca e certifica che Obama è nato ad Honolulu, è firmato dalla madre e dalle autorità governative statali. Il certificato aggiunge anche il luogo di nascita del presidente, l'ospedale di maternità e ginecologia di Kapiolani. Il documento è stato recuperato dall'avvocato del presidente che è appositamente volato nelle Hawaii per ottenerne una copia.

Durante la campagna elettorale, nel 2008, Barack Obama già pubblicò sul suo sito l'estratto di quel certificato, in cui era leggibile in modo chiaro che era nato il 4 agosto 1961 a Honolulu. Ma in tutti questi mesi, i "birthers" hanno sempre ripetuto che a loro giudizio quel certificato era un falso. Si tratta di una tesi portata avanti in modo ossessivo da una parte dell'establishment repubblicano, e di fatto ripudiata dai vertici del partito.

Sembrava una polemica ormai superata, ma nelle ultime settimane è stato il miliardario Trump a rimetterla al centro del dibattito politico. "Perché non l'ha mostrato anni fa?", ha commentato a caldo il tycoon, aggiungendo: "Spero che sia autentico. Voglio vederlo di persona. Comunque sono contento perchè ora possiamo parlare di tanti problemi seri che affliggono il Paese", ha detto ancora Trump, che ora dovrebbe essere soddisfatto.

"Sarebbe ora che il Paese discutesse di problemi veri e non fosse distratto da queste questioni totalmente finte", ha aggiunto Dan Pfeiffer, il direttore della comunicazione della Casa Bianca. Nella speranza che davvero ora si possa iniziare a pensare ad altro.

 

Origine: Repubblica

20-12-2014 - Australia, arrestata la madre degli 8 bambini uccisi a coltellate
20-12-2014 - Papa nomina Tauran a Camerlengo, prende il posto di Bertone
20-12-2014 - Montenegro, arrestato ex deputato di Forza Italia Romagnoli. E' accusato di traffico d'armi a favore delle Farc
20-12-2014 - "Vogliono comprare il mio voto": bufera sulle elezioni in Grecia
20-12-2014 - Caso marò, l'India valuta la proposta italiana
20-12-2014 - Ny, video shock: agente picchia dodicenne di colore
20-12-2014 - Visita Obama in India, allerta servizi: possibile attentato dei talebani
19-12-2014 - Film-satira su Pyongyang, hacker minacciano '11 settembre'. Cancellata la prima di 'The Interview'
19-12-2014 - Papa Francesco: "Attentati in Pakistan, Australia e Yemen atti disumani, Dio converta i violenti"
18-12-2014 - Usa, Casa Bianca: "Nuove sanzioni economiche alla Russia"
18-12-2014 - Usa 2016, ancora una volta Bush contro Clinton: Jeb pronto a correre alle presidenziali
18-12-2014 - Usa, allerta attentati: Obama convoca summit su sicurezza
18-12-2014 - Usa, armatore italiano scarica rifiuti oleosi a Tampa: multa da 2,75milioni
18-12-2014 - Philadelphia, trovato morto l'ex marine autore della strage
18-12-2014 - Usa: a 17 anni baby broker guadagna 72 milioni di dollari, ma era una bufala
17-12-2014 - India, no della Corte Suprema alle richieste dei marò. Pinotti dura: "Latorre non si muoverà dall'Italia"
17-12-2014 - Europa, non solo bilanci. Un passo verso l'unità sui diritti
17-12-2014 - Rsf: meno giornalisti uccisi nel 2014, ma aumentano sequestri
17-12-2014 - Il Papa ai giornalisti: "Attenti alle calunnie". E bacchetta le rigidità della dottrina
17-12-2014 - Australia più forte della paura: #illridewithyou, campagna di solidarietà con i musulmani
17-12-2014 - Australia, tiene ostaggi in un bar per 16 ore. Poi blitz della polizia: morti due ostaggi e il sequestratore
17-12-2014 - Belgio. "Un uomo tenuto in ostaggio a Gand". Ma era un falso allarme
16-12-2014 - Libia, chiuso il più grande porto petrolifero: rischio blocco del gas italiano a Mellita
16-12-2014 - Usa, evitato shutdown: ok del Senato a fondi per il governo
16-12-2014 - Indonesia: morti e dispersi sotto frana a Giava
16-12-2014 - M.O., palestinese lancia acido contro civili israeliani: feriti 4 bambini
15-12-2014 - Ucraina, Poroshenko: "Primo vero giorno di tregua"
15-12-2014 - Medio Oriente, scontri e tensione. Polemiche su autopsia Abu Ein
15-12-2014 - Russia e India trovano l'intesa sul nucleare. Putin a New Delhi con il leader della Crimea
15-12-2014 - Afghanistan: bomba in centro francese. Fabius: "Diversi morti e numerosi feriti"



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy