FORUM GRATIS  STATISTICHE GRATIS
  TOP 100 GRATIS  REDIRECT GRATIS
  SCAMBIO SITI  MASTER TOP 100


     INSERISCI IL TUO SITO  -  TOP CLICK MENSILE  -  TOP RANK POINTS  -  COME FUNZIONA

  
         Web   News   Testi e Video canzoni    >> FORUM <<  


MasterWorld.org - Ultime notizie
1 Chiude il campionato...39
2 Usa, Obama: "Hillary...33
3 Turchia, la vendetta...26
4 Salone Libro, editor...22
5 Il passeggino in vac...21
6 Terrorismo, Mattarel...19
7 Il matrimonio via Sk...19
8 Il Pd cerca la rimon...17
9 The American Berlusc...16
10 Traffico in tempo re...16
11 Blitz di Greenpeace ...16
12 Morì a 3 anni nel Na...15
13 Incubo knockout game...15
14 Hillary Clinton è la...15
15 Stilista trovata imp...14
16 Torino, no della sin...14
17 Gli elettrodomestici...14
18 La banalità del terr...14
19 Maxi piano di stimol...13
20 Decreto Ilva, via li...13
Altre posizioni >>





Top Refer
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10

BOOKMARK
START PAGE


::: PageRankTop.com :::
PageRankFree.com


   Notizia del 30 aprile 2011 ore 17:57 - Visite 236
Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport


Riaffiorano le polemiche sulla nascita E Obama rende pubblico il certificato



Riaffiorano le polemiche sulla nascita E Obama rende pubblico il certificatoWASHINGTON - Eccolo il documento che una volta per tutte dovrebbe mettere la parola fine alle polemiche che hanno accompagnato il presidente Barack Obama fin dal giorno della sua elezione, sulla sua legittimità ad occupare la Casa Bianca: è stato reso pubblico il certificato di nascita di Obama, in forma completa, che prova che il presidente è con certezza cittadino americano ed è nato alle Hawaii, a dispetto di chi continua a seminare dubbi sulla sua americanità. 

Ultimo, in ordine di tempo, a cavalcare l'argomento è stato Donald Trump, il magnate repubblicano lanciato verso la candidatura per la corsa alla Casa Bianca, ma la causa è popolare da tempo fra i cosiddetti "birthers", movimento che raggruppa chi ormai da anni pensa che Obama sia nato in Kenya e non alle isole Hawaii, e che pertanto non abbia diritto ad essere presidente degli Stati Uniti, visto che il secondo articolo della Costituzione prevede esplicitamente la nascita nel territorio americano come requisito essenziale per essere eletto.

"Non abbiamo tempo per queste stupidaggini, abbiamo cose più importanti da fare, abbiamo problemi da risolvere". Così, con una breve dichiarazione alla stampa, Barack Obama ha spiegato perché ha deciso di pubblicare il certificato, dopo aver ignorato ed essersi anche "divertito" per anni delle "falsità" fatte circolare sul suo conto. Ma ora basta: "Abbiamo grandi problemi da affrontare insieme, lo possiamo fare, ma
non se ci facciamo distrarre" da cose senza importanza che ci impediscono "di essere seri", ha detto ancora il presidente Usa. E a forza di delegittimazioni "non andiamo da nessuna parte", ha aggiunto.

Il documento, in forma completa, è stato pubblicato sul sito della Casa Bianca e certifica che Obama è nato ad Honolulu, è firmato dalla madre e dalle autorità governative statali. Il certificato aggiunge anche il luogo di nascita del presidente, l'ospedale di maternità e ginecologia di Kapiolani. Il documento è stato recuperato dall'avvocato del presidente che è appositamente volato nelle Hawaii per ottenerne una copia.

Durante la campagna elettorale, nel 2008, Barack Obama già pubblicò sul suo sito l'estratto di quel certificato, in cui era leggibile in modo chiaro che era nato il 4 agosto 1961 a Honolulu. Ma in tutti questi mesi, i "birthers" hanno sempre ripetuto che a loro giudizio quel certificato era un falso. Si tratta di una tesi portata avanti in modo ossessivo da una parte dell'establishment repubblicano, e di fatto ripudiata dai vertici del partito.

Sembrava una polemica ormai superata, ma nelle ultime settimane è stato il miliardario Trump a rimetterla al centro del dibattito politico. "Perché non l'ha mostrato anni fa?", ha commentato a caldo il tycoon, aggiungendo: "Spero che sia autentico. Voglio vederlo di persona. Comunque sono contento perchè ora possiamo parlare di tanti problemi seri che affliggono il Paese", ha detto ancora Trump, che ora dovrebbe essere soddisfatto.

"Sarebbe ora che il Paese discutesse di problemi veri e non fosse distratto da queste questioni totalmente finte", ha aggiunto Dan Pfeiffer, il direttore della comunicazione della Casa Bianca. Nella speranza che davvero ora si possa iniziare a pensare ad altro.

 

Origine: Repubblica

29-07-2016 - Usa, spari contro 2 poliziotti a San Diego: uno è morto. Un arresto, ma è caccia all'uomo
29-07-2016 - Siria, bombardata clinica ostetrica nel nord-ovest: vittime
29-07-2016 - Turchia, il giorno della purga: ordine di chiusura per 45 giornali e 16 canali televisivi
29-07-2016 - Il parroco di Saint-Etienne-du-Rouvray: "Padre Jacques era un uomo buono, di poche parole"
29-07-2016 - Germania, a Brema evacuato centro commerciale: arrestato un 19enne
29-07-2016 - L'imam di Saint-Etienne: "Così i nuovi barbari vogliono dividerci"
29-07-2016 - Rouen, i buchi della sicurezza: i due killer erano schedati. Il messaggio in rete: "Vai e taglia teste"
29-07-2016 - La mia lettera ai fratelli musulmani: denunciamo chi sceglie il terrore
29-07-2016 - Adel Kermiche, il jihadista 19enne che aveva un braccialetto elettronico e 4 ore per colpire
29-07-2016 - Francia, attacco a una chiesa vicino a Rouen. Sgozzato il parroco, uccisi i killer. L'Is rivendica
29-07-2016 - Somalia, attacco di Al-Shabaab a Mogadiscio: 13 morti
28-07-2016 - Terrorismo, la rete criptata: così la cyber-jihad comunica con i lupi solitari in Europa
27-07-2016 - Monaco, rilasciato il 16enne che incontrò Ali poco prima dell'attacco: "Sapeva che era armato"
27-07-2016 - Florida, spari in locale pieno di ragazzi: 2 morti e 17 feriti
27-07-2016 - Germania, uccide donna a colpi di machete e ferisce 2 persone
26-07-2016 - Strage di Monaco, arrestato 16enne legato al killer. "Sapeva della strage ma non l'ha detto"
26-07-2016 - Francia, controlli alla frontiera: 15 ore di coda a Dover, Londra invia rinforzi
26-07-2016 - Afghanistan, attentato kamikaze su corteo a Kabul: 80 morti. L'Is rivendica
25-07-2016 - Attentati, allarmi, panico: le polizie d?Europa prigioniere del caos
25-07-2016 - Mogherini a Washington: "Ue e Usa hanno bisogno uno dell'altro. Nato cruciale"
24-07-2016 - Arabia Saudita, l'allerta Usa: "Minaccia imminente contro i luoghi frequentati dagli occidentali a Gedda"
24-07-2016 - Strage di Nizza, le indagini confermano: Bouhlel aveva complici. "Attentato preparato per mesi"
24-07-2016 - Attentati, dagli orientali in Baviera alla nonna del Bataclan: le beffe del destino alle vittime del terrore
23-07-2016 - "Hillary da fucilare", bufera sul consigliere di Trump Al Baldasaro
23-07-2016 - May e Merkel, l'intesa fra le lady di ferro. La premier britannica: "Fuori dall'Unione non prima di fine anno"
23-07-2016 - Ucraina, ucciso un reporter russo: mezzo chilo di tritolo nell'auto
22-07-2016 - Francia: uomo aggredisce col coltello una mamma e le sue tre figlie. Grave una bambina
21-07-2016 - Usa, "Qui il porno è bandito": McDonald's e Starbucks si schierano per il wifi libero ma 'casto'
21-07-2016 - Strage di Nizza, la Farnesina conferma: sei italiani tra le vittime
21-07-2016 - La Corea del Nord lancia tre missili verso il mar del Giappone



Homepage - Ambiente - Calcio - Cronaca - Economia - Esteri - Motori - Politica - Rubriche - Scienza e Tecnologia - Spettacoli e Cultura - Sport



















  
 











Copyright 2003-2013 Masterworld
Privacy Policy